Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Il mondo sta dormendo in una crisi?

 

I rischi globali si stanno intensificando, ma sembra che manchi la volontà collettiva di affrontarli.

Nello stesso tempo le divisioni si stanno intensificando. L'evoluzione del mondo è fortemente incentrata sullo stato. L'idea di "riprendere il controllo" - sia sul piano nazionale che sovranazionali - risuona attraverso molti paesi e molte questioni. L'energia che viene spesa per consolidare il controllo nazionale rischia di indebolire le risposte collettive alle sfide globali emergenti. Stiamo andando alla deriva  e non riusciamo ad affrontare i problemi globali.

Nel corso del 2018, i rischi macroeconomici sono aumentati.

La volatilità dei mercati finanziari è aumentata e si sono intensificati i venti contrari all'economia globale. Il tasso di crescita globale sembra aver raggiunto il picco: le ultime previsioni del Fondo Monetario Internazionale (FMI) indicano un graduale rallentamento nei prossimi anni. Questo è dovuto principalmente allo sviluppo delle economie più avanzate. Ma le proiezioni di un rallentamento in Cina - dalla crescita del 6,6% nel 2018 al 6,2% quest'anno e al 5,8% nel 2022 - sono fonte di preoccupazione. Lo stesso vale per l'onere del debito globale, che è significativamente più alto di prima della crisi finanziaria globale. A questo bisogna aggiungere che un inasprimento delle condizioni finanziarie globali ha messo a dura prova i paesi che hanno accumulato passività mentre i tassi di interesse erano bassi.

 

 

 

Le tensioni geopolitiche e geo-economiche stanno aumentando tra le maggiori potenze mondiali. Queste tensioni rappresentano attualmente i rischi globali più urgenti. Il mondo si sta evolvendo in un periodo di divergenza in seguito a un periodo di globalizzazione che ha profondamente modificato l'economia politica globale.

In questo contesto, è probabile che diventi più difficile fare progressi collettivi su altre sfide globali: dalla protezione dell'ambiente alla risposta alle sfide etiche della Quarta rivoluzione industriale.

Se dovesse verificarsi un'altra crisi globale, i livelli necessari di cooperazione e sostegno saranno disponibili? Probabilmente, ma la tensione tra la globalizzazione dell'economia mondiale e il crescente nazionalismo della politica mondiale è un rischio in aumento.

I rischi ambientali continuano a dominare. Le condizioni meteorologiche estreme rappresentano il rischio di maggiore, ma gli esperti sono sempre più preoccupati per il fallimento della politica ambientale

I risultati dell'inerzia climatica stanno diventando sempre più chiari. Il ritmo accelerato della perdita di biodiversità è una preoccupazione particolare. L'abbondanza di specie è diminuita del 60% dal 1970. Nella catena alimentare umana, la perdita di biodiversità sta influenzando la salute e lo sviluppo socioeconomico, con implicazioni per il benessere, la produttività e persino la sicurezza regionale.

La tecnologia continua a svolgere un ruolo fondamentale nel plasmare il panorama dei rischi globali. Elevata è la preoccupazione in merito alle frodi e agli attacchi informatici: ci si aspetta che i rischi associati a notizie false e furti di identità aumentino nel 2019.

L'importanza dei vari cambiamenti strutturali in corso non dovrebbe distrarci dal lato umano dei rischi globali. Molte persone sono infelici e solitarie. A livello mondiale, i problemi di salute mentale colpiscono attualmente circa 700 milioni di persone. Le trasformazioni complesse - sociali, tecnologiche e legate al lavoro - stanno avendo un profondo impatto sulle esperienze vissute dalle persone. Un tema comune è lo stress psicologico correlato a una sensazione di mancanza di controllo di fronte all'incertezza.

Un altro insieme di rischi amplificati dalle trasformazioni globali riguardano i patogeni biologici. C’è un aumentato rischio di un'epidemia devastante e le tecnologie emergenti stanno aumentando il rischio di nuove minacce biologiche, essere prodotte e rilasciate deliberatamente o per caso. Il mondo è scarsamente preparato a minacce biologiche anche modeste. Le nuove biotecnologie rivoluzionarie promettono miracolosi progressi, ma creano anche sfide scoraggianti di supervisione e controllo.

Le città in rapida crescita e gli effetti in atto dei cambiamenti climatici stanno rendendo più persone vulnerabili all'innalzamento del livello del mare. Si prevede che due terzi della popolazione globale vivranno nelle città entro il 2050. Attualmente circa 800 milioni di persone vivono in più di 570 città costiere vulnerabili a un aumento del livello del mare di 0,5 metri entro il 2050. In un circolo vizioso, l'urbanizzazione non solo concentra le persone e le proprietà in aree soggette a potenziali danni, ma anche amplifica questi rischi, ad esempio distruggendo le risorse naturali di resilienza come le mangrovie costiere e aumentando la pressione sulle riserve di acque sotterranee. Gli impatti intensificanti renderanno inabitabile una quantità crescente di terreno.

Esistono tre strategie principali per adattarsi all'innalzamento del livello del mare: (1) progetti ingegneristici per mantenere l'acqua, (2) difese basate sulla natura e (3) strategie basate sul personale, come spostare famiglie e imprese su terreni più sicuri o investire in capitale sociale rendendo le comunità a rischio di inondazione più resilienti.

 

 

 

 


 

Torna all'Indice