Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

IPCC 2018. Global Warming of 1.5 °C. Cosa sappiamo. (prima parte)

Riscaldamento globale di 1,5°C

In rapporto dell'IPCC sugli impatti del riscaldamento globale di 1,5°C rispetto ai livelli preindustriali e relativi percorsi globali di emissione di gas serra, nel contesto del rafforzamento della risposta globale alla minaccia del cambiamento climatico, sviluppo sostenibile e gli sforzi per sradicare la povertà

 

L'influenza umana sul clima è stata la causa principale del riscaldamento osservato dalla metà del XX secolo, mentre la temperatura superficiale media globale si è riscaldata di 0,85°C tra il 1880 e il 2012.

L'aumento della temperatura ha già provocato profondi cambiamenti ai sistemi umani e naturali, portando un aumento di alcune epidemie, siccità, inondazioni, innalzamento del livello del mare e perdita di biodiversità, e provocando rischi senza precedenti per alcune popolazioni.

Le persone più colpite vivono nei paesi a reddito medio-basso, alcuni dei quali hanno già sperimentato un declino della sicurezza alimentare, collegato a sua volta all'aumento della migrazione e della povertà. Anche le piccole isole, le megalopoli, le regioni costiere e le alte catene montuose sono tra le regioni più colpite. In tutto il mondo, numerosi ecosistemi sono a rischio: in particolare le barriere coralline tropicali e gli ecosistemi artici.

L'influenza umana è diventata uno dei principali agenti di cambiamento sul pianeta, spostando il mondo dal periodo dell'Olocene, relativamente stabile, a un nuovo stato geologico, spesso chiamato Antropocene. Rispondere ai cambiamenti climatici in antropocene richiederanno approcci che integrino più livelli di interconnessione attraverso la comunità globale.

 


leggi anche

Antropocene: l’attuale era geologica è iniziata con la prima bomba atomica

 

 

 


 

L'evidenza empirica della portata globale dell'impatto dell'influenza umana sul Sistema Terra ha portato molti scienziati a chiedere il riconoscimento che la Terra è entrata in un nuova epoca geologica: l'Antropocene.

Anche se si sta valutando un periodo molto breve, le variazioni climatiche sono sorprendenti.

L'aumento della concentrazione globale di CO2 dal 2000 è di circa 20 ppm/decade, fino a 10 volte più veloce di qualsiasi aumento sostenuto di CO2 negli ultimi 800.000 anni. Dal 1970 la temperatura media globale è aumentata ad un tasso di 1,7°C per secolo. I cambiamenti climatici provocati dall'uomo superano di gran lunga i tassi di cambiamento guidati da forze geofisiche o biosferiche che hanno alterato la traiettoria del Sistema Terra in passato; anche gli eventi geofisici improvvisi non si avvicinano agli attuali tassi di cambiamento guidato dall'uomo.

La dimensione geologica dell'Antropocene e il riscaldamento globale di 1,5 ° C

Il processo di formalizzazione dell'Antropocene è ancora in corso ma si è concordi nel fatto che:

(i)             l'Antropocene ha un merito geologico;

(ii)            dovrebbe seguire l'Olocene come un'epoca formale nella scala temporale geologica; e, che

(iii)           il suo esordio dovrebbe essere definito come la metà del XX secolo.

I potenziali marcatori nella registrazione stratigrafica comprendono una serie di nuovi materiali fabbricati di origine umana e "questi segnali combinati rendono l'antropocene stratigraficamente distinto dall'Olocene e dalle epoche precedenti"

Il periodo dell'Olocene, che fu formalmente adottato nel 1885 dalla comunità di scienze geologiche, iniziò 11.700 anni fa con un clima caldo più stabile che consentiva l'emergere della civiltà umana e le crescenti interazioni uomo-natura che si sono espanse per dare origine all'Antropocene.

L'Antropocene e la sfida di un mondo più caldo di 1,5 ° C

L'Antropocene può essere impiegato come un "concetto di confine" che inquadra le intuizioni critiche nella comprensione delle dinamiche e delle sfide specifiche nel rispondere all'ambizione di mantenere la temperatura globale ben al di sotto dei 2°C mentre ci stiamo sforzando di adattarci ad un mondo più caldo di 1,5°C.

L'UNFCCC e il suo Accordo di Parigi riconoscono la capacità degli esseri umani di influenzare i processi planetari geofisici. L'Antropocene offre una comprensione strutturata delle relazioni umane e ambientali passate e presenti e offre l'opportunità di visualizzare meglio il futuro per ridurre al minimo le insidie.

Definizioni di riscaldamento globale rispetto ai livelli pre-industriali

Si definisce il "riscaldamento", a meno che non sia altrimenti qualificato, come un aumento della temperatura media della superficie globale (GMST) su più decenni al di sopra dei livelli preindustriali.

 


leggi anche

Gli indicatori del cambiamento climatico: temperatura superficiale globale

 

 

 


 

In particolare, il riscaldamento in un dato momento è definito come la media globale delle temperature combinate della superficie terrestre e dell'aria e della superficie del mare per un periodo di 30 anni centrato su quel periodo, espresso rispetto al periodo di riferimento 1850-1900 "come approssimazione dei livelli preindustriali", escluso l'impatto delle fluttuazioni climatiche naturali entro quel periodo di 30 anni e ipotizzando che qualsiasi tendenza secolare continui durante questo periodo, estrapolando nel futuro se necessario

Una importante eruzione vulcanica potrebbe ridurre temporaneamente le temperature globali, ma non ridurrebbe il riscaldamento come definito in questa sede.

Eliminare la povertà

La povertà può essere causata da "circostanze materiali" (ad esempio bisogni, modelli di privazione o risorse limitate), oppure da condizioni economiche (ad esempio standard di vita, disuguaglianza o posizione economica), e/o relazioni sociali (ad es. classe sociale, dipendenza, mancanza di sicurezza di base, esclusione o mancanza di diritto). Si stima che circa 1,5 miliardi di persone vivano globalmente in povertà, specialmente nelle aree rurali dell'Asia meridionale e dell'Africa subsahariana, con un ulteriore miliardo di persone a rischio di povertà.

La variabilità climatica e il cambiamento climatico sono ampiamente riconosciuti come fattori che possono aumentare la povertà, in particolare nei paesi e nelle regioni in cui i livelli di povertà sono già elevati. Molte persone vulnerabili e povere dipendono da attività come l'agricoltura che sono altamente suscettibili agli aumenti di temperatura e alla variabilità delle precipitazioni. Anche modesti cambiamenti nelle precipitazioni e nei modelli di temperatura possono spingere le persone emarginate verso la povertà perché non hanno i mezzi per contrastare il cambiamento. Eventi estremi, come inondazioni, siccità e ondate di calore, specialmente quando si verificano in serie, possono erodere in modo significativo i beni delle persone povere e minare ulteriormente i loro mezzi di sussistenza in termini di produttività del lavoro, alloggi, infrastrutture e reti sociali.

Sviluppo sostenibile e un mondo più caldo di 1,5°C

Limitare il riscaldamento globale a 1,5°C richiederà notevoli trasformazioni sociali e tecnologiche. Saranno necessari dei percorsi di sviluppo sostenibile a livello globale e regionale.

Limitare il riscaldamento a 1,5°C implica anche l'identificazione della tecnologia adatta e delle leve politiche per accelerare il ritmo di trasformazione.

La fattibilità di qualsiasi impegno globale verso un percorso di 1,5 ° C dipende, in parte, dall'influenza cumulativa dei contributi determinati a livello nazionale (NDC), che impegna gli stati nazionali a specifiche riduzioni delle emissioni di gas serra. Gli attuali NDC, che si estendono solo fino al 2030, non limitano il riscaldamento a 1,5 ° C.

L'analisi dei possibili scenari futuri rivela che per contenere il riscaldamento a 1,5 ° C richiedono una accelerazione delle azioni. I cambiamenti climatici limitano alcuni possibili percorsi di sviluppo in quanto molti i modelli di consumo sono intrinsecamente insostenibili.

Impatto sull’ambiente di un mondo più caldo

L’impatto del cambiamento climatico avviene su molteplici fattori ambientali, oltre all'aumento delle temperature: l'aumento di CO2 atmosferico, il cambiamento delle precipitazioni, l'innalzamento del livello dei mari, l'aumento dell'acidificazione degli oceani e gli eventi estremi, come inondazioni, siccità e ondate di calore.

Ad esempio, i cambiamenti delle precipitazioni influenzano il ciclo idrologico e la disponibilità di acqua. Diversi effetti, invece, dipendono dalla composizione atmosferica, ad esempio l’aumento dei livelli di anidride carbonica atmosferica portano a cambiamenti nella produttività delle piante, ma anche all'acidificazione degli oceani. Altri impatti sono guidati da cambiamenti nel contenuto di calore dell'oceano, ad esempio, la destabilizzazione delle lastre di ghiaccio costiere e l'innalzamento del livello del mare.

Gli impatti possono essere diretti, ad esempio, lo sbiancamento dei coralli dovuto al riscaldamento degli oceani e indiretti, ad esempio, il turismo ridotto a causa dello sbiancamento dei coralli.

Gli impatti dei cambiamenti climatici sugli ecosistemi naturali e gestiti possono implicare una perdita oppure un aumento della crescita, della biomassa o della diversità a livello di popolazioni di specie.

La stessa entità del riscaldamento può essere letale durante una fase della vita di un organismo e irrilevante durante un'altra fase. Molti ecosistemi (in particolare foreste, barriere coralline e altri) subiscono processi a lungo termine caratterizzati da livelli variabili di resilienza ai cambiamenti ambientali nel tempo. Gli organismi e gli ecosistemi possono adattarsi al cambiamento ambientale in una certa misura, ad esempio, attraverso cambiamenti nella fisiologia, nella struttura degli ecosistemi, nella composizione delle specie o nell'evoluzione.

Non è facile contrastare l’aumento di temperatura.

Alcuni sforzi ambiziosi per limitare le concentrazioni atmosferiche di gas a effetto serra possono essi stessi incidere sugli ecosistemi. In particolare, i cambiamenti nell'uso del suolo, potenzialmente necessari per la produzione massiccia di biocarburanti (sia come semplice sostituzione di combustibili fossili, sia come parte di Bioenergy con Carbon Capture and Storage, BECCS) hanno un impatto su tutti gli altri ecosistemi terrestri attraverso la competizione per la terra.

Come mitigare

La mitigazione si riferisce agli sforzi per ridurre o prevenire l'emissione di gas a effetto serra o per migliorare l'assorbimento dei gas già emessi, limitando così l'entità del riscaldamento futuro. La mitigazione richiede l'uso di nuove tecnologie, fonti energetiche pulite, riduzione della deforestazione, migliori metodi agricoli sostenibili e cambiamenti nei comportamenti individuali e collettivi. Molti di questi possono offrire sostanziali benefici per la qualità dell'aria, la biodiversità e lo sviluppo sostenibile. Le scelte devono essere efficaci sul lungo.

 

 


 

 Torna all'indice

 

 


 

Joomla templates by a4joomla