Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Dal banano alle fibre

 

Lo pseudo-stelo della pianta di banana è il gambo della pianta di banana che fornisce e trasporta i nutrienti dal terreno ai frutti. Questo pseudo-stelo viene tagliato e trasformato in biomassa dopo che il frutto della banana è maturo ed è stato raccolto.

 

La fibra che si ricava dalla pianta di banano è una fibra dura e poco elastica. I principali usi della fibra di banano sono nella produzione di prodotti sanitari specializzati e di alta qualità, tessuti e carte per banconote. La fibra di banano può essere utilizzata anche per funi come la corda marina poiché questa fibra ha una buona resistenza all'acqua marina e ha proprietà di galleggiamento. Altri usi di questa fibra sono per preparare caffè e bustine di tè, tessuti filtranti, tessuti monouso e tessuti a bassa densità. Secondo la letteratura, la produzione di fibre di Abaca (tessuti Musa) nel mondo ha raggiunto circa 100.000 ton / anno.

 

La pianta ha un sistema di radicazione superficiale in cui gli pseudo-steli spuntano verticalmente. Mentre si sviluppa, una singola pianta può produrre circa 25 di questi pseudo-steli, che maturano in tempi diversi.

In realtà siamo di fronte ad una grossa erba, di 5 o 6 metri di altezza, il cui “tronco” è in realtà dato dalle guaine delle grandi foglie che avvolgono il fusto fiorale e partono a loro volta da un fusto sotterraneo, perenne. Le foglie sono più di una ventina per individuo, e crescono a partire dal basso verso l’alto, stratificando la base del loro picciolo una sull’altra. Sono proprie tali guaine a dare il prodotto da cui si otterrà la fibra.

Le fibre delle foglie di banano possono essere estratte da una macchina decorticatrice. Il processo di estrazione viene condotto non appena le foglie vengono tagliate. Il metodo comune in pratica è una combinazione di acqua e raschiatura.

 

 

Il primo passo, chiamato tuxing, separa i fasci di fibre.

La macchina decorticatrice è costituita da un tamburo rotante montato su un albero. Sulla circonferenza del tamburo sono montate diverse lame che creano un'azione di battitura quando il tamburo viene ruotato da una trasmissione elettrica

 

La larghezza dei fasci di fibre che risulta da questo processo di tuxing è di circa 5-8 cm ed è uguale alla lunghezza della foglia. Il secondo passo è quello di rimuovere la gomma e le parti non fibrose. Quindi, le fibre vengono quindi accuratamente lavate e asciugate.

Il passo successivo è il processo di sgommatura delle fibre per rimuovere le sostanze estranee che vengono poi lavate ed essiccate a temperatura ambiente di circa 27-32°C.

 

La reticolazione della fibra di banana è definita come la separazione dei fasci di fibre dalla corteccia o dal legno. La macerazione della fibra di banana è analoga al processo generale di macerazione, in cui si verificano due stadi. Il primo stadio è lo stadio fisico in cui l'acqua viene assorbita; poi si verifica un gonfiore e alcune delle sostanze solubili vengono estratte. Il secondo stadio è lo stadio microbico, rispettivamente aerobico o anaerobico mediante l'azione di funghi o batteri.

La reticolazione viene effettuata per aumentare le proprietà meccaniche della fibra naturale. I test sulla tenacità delle fibre indicano che la rimozione estrattiva della pectina dalla fibra attraverso la macerazione non causa alcun cambiamento significativo nella tenacità della fibra.

 

La fibra di banano prodotta dalla macchina decorticatrice contiene una percentuale piuttosto elevata di gomma e sostanze non fibrose (circa il 30-35%).

Queste sostanze per lo più non sono solubili in acqua e devono essere estratte prima che la fibra venga trasformata meccanicamente in filati fini.

Le fasi fondamentali del processo di sgommatura sono le seguenti: bollire le fibre un paio di volte in soluzione acquosa alcalina con / senza agitazione e pressione e con / senza agenti riducenti; secondo, lavare le fibre con acqua per neutralizzarle; terzo, sbiancamento delle fibre con perossido di idrogeno diluito o ipoclorito; e in quarto luogo, la fibra lavata con acqua per neutralizzare e oliare con un idrocarburo solfonato.

 

 

Asmanto Subagyo and Achmad Chafidz. Banana Pseudo-Stem Fiber: Preparation, Characteristics, and Applications, Nov. 2018, DOI: http://dx.doi.org/10.5772/intechopen.82204

 

 


Torna all'indice


 

 

 

 

Articoli Correlati