Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Il sughero è un materiale la cui applicazione è nota fin dai tempi antichi, alcuni legati alla costruzione, anche se è stato per lo più visto come un manufatto galleggiante e di chiusura.

 

 

La decortica si svolge ogni anno nei mesi di maggio, giugno e luglio nelle sugherete del mediterraneo (Portogallo, Spagna , Nord Africa e Sardegna) ed è il processo di estrazione di una materia prima delicato e rispettoso della natura. La quercia da sughero cresce soprattutto nella regione mediterranea, dove le condizioni climatiche ideali sono estati secche e inverni miti.

 


Leggi anche:

Habitat nel mondo: le sugherete


 

 

 

 

La decortica, ovvero, la separazione della corteccia dal tronco della quercia da sughero, è un processo che non arreca alcun danno alla pianta, anzi la rigenera. Finalizzato alla produzione di chiusure per vino, ma non solo, può essere paragonato, ad esempio, alla tosatura di una pecora.

In questo delicato procedimento, gli artigiani sono dei tecnici esperti, per lo più persone che vivono nella zona della foresta per le quali questa attività diventa una preziosa opportunità di lavoro e sostentamento.

Il processo della decortica avviene all'inizio dell'estate in quanto la linfa si posiziona tra il fusto della pianta e la sua corteccia ed è quindi possibile togliere quest'ultima agevolmente.

Dalla semina alla prima decortica trascorrono 25 anni. Il primo sughero è chiamato "sughero vergine" e può essere utilizzato solo per la realizzazione di articoli decorativi e prodotti granulati.

Solo dopo 40 anni dalla semina si potrà prelevare un sughero che ha raggiunto una stabilità strutturale tale da garantire le proprietà necessarie all'imbottigliamento. Con un ritmo di una decortica ogni 9 anni la stessa pianta può subire questo processo per oltre 200 anni. Considerando che la pianta vive mediamente 170-200 anni, si effettuano circa 15-18 volte.

La corteccia di sughero subirà tutto il processo di lavorazione dopo un periodo di stagionatura.

La corteccia della Quercus Suber, la quercia da sughero, cresce come in continuo creando uno spesso strato prodotto dal fellogeno che viene periodicamente raccolte dall'albero, di solito ogni 9 - 12 anni. La quercia da sughero presenta il vantaggio di essere l'unico albero la cui corteccia può rigenerare dopo il raccolto, facendo del sughero un vero e proprio materiale ecologico, in quanto è una risorsa rinnovabile.

 

 

Il sughero, a livello microscopico, ha una struttura formata da celle poliedriche cave che ricordano una forma a nido d'ape (vedi foto)

 

In media, le cellule del sughero sono alte 45 µm con una faccia esagonale di 15-20 µm e spessore di 1-2 µm.

 

 

 

Il sughero è costituito principalmente da suberina e da lignina. Gli altri costituenti organici sono polisaccaridi (cellulosa ed emicellulosa) e cere e tannini.

Questi componenti costituiscono le pareti cellulari del sughero e sono suddivisi in tre strati:

- la sottile parete primaria interna ricca di lignina,

- la parete secondaria che è una lamella di spessore di cera alternata e suberina, quest'ultima è il componente principale delle pareti cellulari del sughero

- una sottile parete terziaria di polisaccaridi

La composizione chimica del sughero può riflettere la qualità, l’origine geografica e la posizione morfologica sull'albero.

Studi scientifici hanno dimostrato che il contenuto di cere e tannini può cambiare in funzione della provenienza mentre il contenuto di suberina, lignina e polisaccaridi sono sostanzialmente confrontabili (Conde, E., et altri “Chemical characterization of reproduction cork from Spanish quercus suber”. Journal of Wood Chemistry and Technology 18 (4), 1998, 447)

Tuttavia, in un altro studio analogo, i ricercatori hanno dimostrato una grande variabilità nella suberina e nel contenuto di polisaccaridi, mentre la lignina e polifenoli erano costanti. In questo studio, è stato possibile distinguere la qualità del sughero in funzione al contenuto di suberina e di lignina: contenuti suberina superiori corrispondevano a standard di qualità più elevati, mentre contenuti di lignina più elevati corrispondono ad una qualità inferiore (Lopes, M.H., et al., “Variability of cork from Portuguese quercus suber studied by solid-state 13 C-NMR and FTIR spectroscopies”. Biopolymers 62 (5), 2001, 268).

In realtà è necessario fare un’ulteriore differenziazione.

Le variazioni di composizione chimica delle varie strati della corteccia di sughero sono state studiate da Giove et al. (“Study of the variability in chemical composition of bark layers of Quercus suber L. from different production areas”. Bio Resources 6 (2),2011, 1806). In questo studio, le cortecce di sughero sono state separate in tre strati: corteccia, sughero (parte utilizzata per la produzione dei tappi di sughero) e pancia.

Sono state riscontrate differenze significative tra gli strati per contenuto di suberina e polisaccaridi.

Il mercato, noto a partire dall'inizio del 20imo secolo, ha subito un'enorme espansione a causa dello sviluppo di differenti agglomerati a base di sughero. Questi agglomerati sono stati utilizzati in molte applicazioni, dalle chiusure per vino all’aeronautica.

Macroscopicamente, il sughero è un materiale leggero, elastico, praticamente impermeabili ai liquidi e gas, un materiale termicamente ed elettricamente isolante, è un buon isolante acustico.

Microscopicamente, il sughero è composto da strati di cellule alveolari, di forma, le cui membrane cellulari hanno un certo grado di impermeabilità e sono piene di un gas, generalmente considerata simile all'aria, occupando quasi il 90% del suo volume.