Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Germania e Polonia sono responsabili per oltre la metà delle emissioni da questo tipo di centrali, seguite a stretto giro dal Regno Unito. L'Italia ha ancora 5 impianti attivi

 

Il carbone è ancora un grossa fonte di energia in Europa e il suo sfruttamento serve a produrre circa il 15% dell'elettricità del continente. Eppure il carbone è la fonte fossile più inquinante e le centrali elettriche che lo utilizzano rimangono responsabili di circa un quinto delle emissioni di anidride carbonica (CO2), diossido di zolfo (SO2) e ossidi di azoto (NOx) nell'ambiente. Secondo i dati raccolti nel sito coalmap.eu al momento nell'Unione europea sono attualmente in funzione circa 280 centrali di carbone e più di duecento di queste sono vecchie di trent'anni o più, il che significa che sono più inquinanti e obsoleti. Il carbone in Europa è soprattutto un affare tedesco e polacco:  Germania e Polonia sono responsabili per otre la metà delle emissioni  da questo tipo di centrali, seguite a stretto giro dal Regno Unito.

 

 

 

 

Il carbone è molto pericoloso per la salute delle persone.  Ogni anno, milioni di europei si ammalano e circa 23mila persone muoiono prematuramente a causa dell'esposizione agli inquinanti del carbone.  Gli ossidi di zolfo, gli ossidi di azoto, la polveri fini e il mercurio sono particolarmente dannosi anche per la natura e hanno un costo per gli Stati.

Per combattere gli impatti dei cambiamenti climatici e dell’inquinamento atmosferici numerose organizzazioni ambientaliste provenienti da 28 Paesi hanno lanciato la campagna "Europe Beyond Coal", per accelerare l’abbandono del carbone in favore delle energie rinnovabili.

Secondo i calcoli delle associazioni, tra cui figurano anche  Greenpeace e il Wwf, nel 2015 le sole centrali a carbone dell’Ue sono state responsabili di un numero di morti premature stimato in 19.500 persone, nonché di 41 mila casi di bronchite cronica nei bambini. Anche i costi legati agli impatti sanitari sono impressionanti: fino a 54 miliardi di euro nel 2015. Le campagne come quelle di “Europe Beyond Coal” e gli obiettivi climatici imposti da Bruxelles hanno contribuito a far chiudere finora 16 centrali a carbone in Europa, e altre 39 sono in procinto di fermare le proprie attività. Diversi governo, tra cui quelli di Paesi Bassi, Regno Unito, Finlandia, Francia, Portogallo e Italia si sono tutti impegnati ad abbandonare il carbone entro il 2025 o il 2030 e anche la stessa Germania, nelle trattative sulla formazione del nuovo governo, sta prendendo in considerazione un impegno del genere, seppur in maniera molto graduale.

 

 

Il  movimento  Beyond Coal  è una campagna condotta dal gruppo ambientalista  Sierra Club  per promuovere  l'energia rinnovabile al  posto del  carbone.  Il loro obiettivo principale è chiudere le  centrali elettriche a carbone  negli  Stati Uniti , includendo almeno un terzo delle oltre 500 centrali a carbone del paese entro il 2020 e sostituirle con fonti di energia rinnovabili.  La campagna è attiva anche in altri paesi;  per esempio stanno cercando di impedire la costruzione della centrale termica del Kosovo C vicino a  Pristina , in  Kosovo.  Tra gli altri obiettivi vi è quello di tenere il carbone nel terreno, in particolare negli  Appalachi  e nel  bacino del fiume Powder , dove si trova la maggior parte delle riserve di carbone americano  e impedirne l’esportazione.

Nel mese di novembre 2017 è  stata lanciata in Europa  una campagna analoga, denominata  Europe Beyond Coal. Questa campagna è ispirata alla campagna statunitense Beyond Coal ma è indipendente da essa.