Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

La Filandia: tra i paesi più green. Helsinki verso la città a "zero emissioni" entro 2035

La Finlandia è un piccolo paese su scala globale e rappresenta appena lo 0,07% della popolazione mondiale L'anno scorso, nel centenario della sua indipendenza, la Finlandia è stata classificata, da diversi indici internazionali, il paese più stabile, il più sicuro e il meglio governato al mondo.

 

La Finlandia è stata classificata, da diversi indici internazionali il paese più stabile, il più sicuro e il miglior governato al mondo. Un paese ricco, poco corrotto, socialmente progressista e giusto.

Il sistema giudiziario finlandese è il più indipendente al mondo, la sua polizia è la più fidata, le sue banche sono le più solide, le sue società la seconda più etica, i suoi cittadini godono dei più alti livelli di libertà personale, scelta e benessere.

I 5 milioni e mezzo di abitanti del paese nordico sono anche il terzo più equo tra i sessi I loro bambini sono i meno sottopeso, i loro figli si sentono più sicuri, e i loro figli si esibiscono al secondo posto nella lettura (solo il terzo alla scienza, però).

La ricetta è nella gente. La Finlandia è un paese freddo, aspro e remoto. Ogni persona deve lavorare sodo r deve aiutare i vicini. Talkoo significa “lavorare insieme, collettivamente, per un bene specifico” ossia “Raccogliendo il raccolto, immagazzinando la legna, raccogliendo denaro. Si tratta di cooperare. Tutti insieme. “

Il successo del sistema nazionale di educazione nazionale gratuito, stabilito prima dell'indipendenza nel 1866 e regolarmente classificato tra i migliori del mondo, ha anche le sue radici in una società più egualitaria. “L'istruzione è stata la chiave del progresso”.

L'uguaglianza di genere, allo stesso modo, è radicata. Nel 1906, le donne finlandesi sono diventate, se non proprio le prime ad ottenere il diritto di voto, le prime a candidarsi. Nel 1930, quasi il 10% dei parlamentari era costituito da donne (il dato è ora del 42%).

La Finlandia ha avuto dei leader saggi leader che pensavano al bene del paese ed il consenso li sosteneva.

Le scelte responsabili venivano fatte dai governi di coalizione attenti alla continuità, ai grandi investimenti industriali e infrastrutturali.

La corruzione e il crimine organizzato sono quasi inesistenti. La fiducia genera fiducia e la volontà di innovare: il World Economic Forum classifica la Finlandia il paese più innovativo, pro capite, nel mondo. 

La miscela magica, quindi, sembra basata principalmente sulle virtù di base: fiducia in se stessi, cooperazione, uguaglianza, rispetto per l'educazione, fiducia.

Rimanendo nell’ottica di una società sostenibile, Helsinki ha presentato il piano d’azione per raggiungere l’obiettivo di "zero emissioni di carbonio".

Il documento elaborato da un gruppo di esperti, in collaborazione con le organizzazioni civiche, contiene 143 azioni concrete per arrivare entro il 2035 a tagliare dell'80% le emissioni generate sul territorio e compensare le rimanenti.

Il piano prevede di abbassare di un quinto i consumi dei riscaldamenti delle abitazioni grazie all'ammodernamento degli impianti nei vecchi edifici e a regole più stringenti per la costruzione di nuovi, nonché a produrre un sesto dell'elettricità cittadina attraverso i pannelli fotovoltaici di abitazioni ed edifici pubblici.

Azioni dettagliate sono poi previste per la mobilità urbana (-69% di emissioni promuovendo l'uso di modalità sostenibili) e, attraverso un piano separato, per rendere più 'verde' la produzione di energia della municipalizzata Helen (dal 10% di oggi al 70% di rinnovabili entro il 2035).

 

 

 

 

Joomla templates by a4joomla