Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Uragano in Veneto. Il disastro fu terribile e spaventevole.

 

Il flagello maggiore si è scatenato sopra il piccolo paese di Burano. Circa una sessantina di case furono in parte abbattute e parte danneggiate talmente da renderle inabitabili. Di queste case, 15 erano di proprietà di un signore da Venezia. Finora si sono disseppelliti 10 cadaveri oltre a parecchi vivi, benché più o meno resi malconci. Di questi, due o tre giacciono al nostro civico ospedale, con poca speranza di guarigione. Ci raccontano che la scena fu realmente lacrimevole; qua si gridava al soccorso per salvare il padre, il figlio, il fratello: là si reclamava – avvertiti che voci fioche e disperate – che sotto le rovine stavano forse affogandosi delle altre persone!

A Mestre si contano cinque morti e una quindicina di feriti e circa 20 case, di più o meno solidità, atterrate o sensibilmente danneggiate. A Carpenedo, Campalto, Cirignano, Mazzorbo e alla Rana, crollarono parecchi altri casolari. Anche in codesti luoghi si lamenta qualche vittima e molti feriti.

Lungo lo stradale da Ponte di Brenta a Venezia, non si veggono che case e capanne di paglia abbattute, tetti interi divelti e trasportati a distanza, chiese mutilate, alberi schiantati , e rovesciati i pali del telegrafo. Il terribile uragano, lungo il suo cammino, disperse piantagioni, devastò le strade segnando la sua via di rovina e deserto!

Anche in città, a Venezia, abbiamo avuto alcune piante rovesciate in Campo Rotto e un camino danneggiato in Calle Larga S. Moisè. Una barca di contrabbandieri, che fu  vista staccarsi l’altra sera da un sito del sestiere di Cannareggio, non è più reperibile.

Il danno materiale non si conosce ancora …. Molti gemono nella più squallida miseria.

 

 

Nella “Gazzetta di Venezia" si poteva leggere al riguardo: “Riassumiamo le notizie che abbiamo circa gli infortuni avvenuti in seguito all’uragano di ieri sera. Tre potenti trombe marine hanno in brevi istanti, circa alle 6 pomeridiane. Compiuto la loro opera devastatrice alla Rana presso Mestre, e successivamente nei paesi di Chirignago, Carpenedo, Campalto, Mazzorbo e Burano. Crollarono varie case, furono abbattuti i pali del telegrafo, schiantati molti alberi e fatalmente rimasero morte cinque persone e varie ferite. Lagragnuola potè misurarsi in grani di una grandezza, che a memoria d’uomini non si ricorda ...

A Campalto, l’osteria restava danneggiata, oltrechè parecchi capanne di paglia sarebbero state completamente distrutte. Nel circondario di quel paese una barca di contrabbandieri andava sommersa ... A Mazzorbo la sentinella di Finanza che se ne stava sugli spalti entro la garretta fu trasportata nel paludo sottoposto ... Il più terribile dell’uragano si è scatenato sopra Burano: moltissime case dalla parte verso la Fondamenta Nuova furono ridotte ad un mucchio di sassi, e le rimanenti in quel punto rimasero senza tetto.

Quello che è più doloroso sono le molte vittime che si hanno a lamentare. Furono estratti dalle macerie sette cadaveri, tre individui mortalmente feriti, e dodici circa leggermente ... La truppa, la Guardia Nazionale e tutti i cittadini si prestarono con uno zelo esemplare sotto l’imperversare del temporale: molti dei feriti furono portati al nostro ospitale … La Laguna tempestosa non permise che si avessero le nuove sino a questa mattina … Anche ora le barche possono venire a Burano, ma pel vento contrario è assai pericoloso l’andarvi … Il Regio Prefetto appena ricevuta la notizia del disastro fece allestire un apposito vapore delle Marina Militare e si recò nell’isola per prestarvi i primi soccorsi, e dare gli opportuni provvedimenti ad attenuare una così grave sciagura … In città abbiamo soltanto alcune piante rovesciate in Campo Rotto, e un camino danneggiato in Calle Larga San Marco ...”

 

 

Il giorno dopo sul turbine del 24 settembre 1867, scriveva sempre la stessa “Gazzetta di Venezia”: “… raccogliamo i seguenti ragguagli da notizie ufficiali pervenute da Burano. Abbiamo ricevuto il numero preciso delle case rovinate dall’uragano di martedì sera: sono completamente cadute 42 case, sono da atterrarsi altre 28, hanno il tetto sconnesso e sofferto parziali guasti altre 140 case … Le barche fracassate furono in tutto: 50 … L’uragano ha colpito anche Treporti Frazione del Comune di Burano. Ivi pure sono a lamentarsi tre vittime, cioè: Alessandro Zanella d’anni 54, Antonio Zanella d’anni 25 e Luigia Mavaracchio d’anni 19 i quali riparatisi sotto un casono che investito dal tifone rimasero morti oltre a parecchi altri feriti. Siccome nei tre cadaveri non si riscontrarono lesioni corporali assolutamente mortali è a supporsi che la stessa colonna d’aria del turbine possa aver agito o mediante soffocazione o ammaccando profondamente i visceri nobili da farne conseguire la morte ... Le tre vittime del Comune di Mestre sono Giovanni Andreatta d’anni 67, Pasquale Busso detto Guòn di anni 60, e Giovanni Brusson d’anni 14. Essi morirono schiacciati sotto le macerie di case abbattute dall’uragano ... Il Regio Prefetto ieri visitò tutti i luoghi del Distretto di Mestre che furono colpiti dall’uragano, recando da per tutto parole di conforto e lasciando lire 200 per i più immediati bisogni ...”

 

In definitiva quello fu uno storico quanto tragico sconquasso, che turbò non poco tutte le genti della Laguna e della Terraferma, oltre e soprattutto quelle di Burano.

 

 

 


 Ritorna all'indice


 

 

 

NOTIZIE DAL MONDO

 

1 agosto 2019 

NOTIZIE. Cambiamento climatico: la Groenlandia si scioglie 

 

 

30 luglio 2019 

NOTIZIE. Record dall'Etiopia: piantati oltre 350 milioni di alberi contro la deforestazione 

 

 

25 luglio 2019 

NOTIZIE."Salviamo il paradiso". Campagna del WWF contro le trivellazioni sulle coste greche 

 

 

22 luglio 2019 

NOTIZIE. Migranti, UE: accordo a 14 per un meccanismo di distribuzione