Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

I sistemi di acqua dolce sono alcuni degli habitat più minacciati al mondo.

 

L'acqua dolce comprende fiumi, laghi e zone umide e sono habitat ricchi di biodiversità. Tali sistemi ci offrono molti servizi come acqua potabile, cibo (come il pesce), un mezzo di trasporto e opportunità ricreative. Purtroppo i sistemi di acqua dolce sono alcuni degli habitat più minacciati al mondo e hanno tassi allarmanti di estinzione delle specie.

Esistono molti tipi di ecosistemi di acqua dolce, come:

Fiumi, in cui scorre l'acqua, generalmente verso il mare.

Laghi, aree più grandi di acque stagnanti (poco profonde o profonde).

Zone umide, aree di terra coperte permanentemente o temporaneamente con acqua, generalmente poco profonde, coperte da piante (compresi gli alberi) che crescono fuori dall'acqua o mescolate con aree di acque libere. Esempi di zone umide includono paludi, torbiere, estuari, mangrovie e risaie.

 

Gli ecosistemi di acqua dolce fanno parte del paesaggio e interagiscono con la terra. Ad esempio, l'acqua piovana che cade sulla terra sfocia in corsi d'acqua e fiumi e riempie laghi e zone umide, portando con sé sostanze nutritive e materiale vegetale (come semi e foglie).

Gli ecosistemi di acqua dolce forniscono anche acqua agli ambienti terrestri. Questi movimenti di acqua fanno parte del "ciclo dell'acqua", che collega le aree terrestri, "sotterranee", d'acqua dolce e costiere.

 

La "biodiversità in acqua dolce", a livello di specie, include la vita che vive molto chiaramente in acqua dolce ma include anche la vita adattata per vivere in o intorno agli habitat di acqua dolce. Esempi inclusi:

• Pesce

• Anfibi (ad es. Rane e salamandre)

• Mammiferi dipendenti dalle zone umide (ad es. Ippopotami), delfini di fiume, focene, foche, lontre, alci, castori, lamantini

• Uccelli acquatici (ad esempio pellicani, fenicotteri, gru, anatre, oche)

• Rettili (ad es. Coccodrilli, tartarughe)

• Insetti (ad es. Libellule, zanzare)

• Piante acquatiche e piante radicate nell'acqua ma con steli e foglie che emergono dall'acqua

Ci sono anche molte piante che si sono adattate alla vita in o vicino agli habitat di acqua dolce, oltre a quelle che vivono permanentemente sott'acqua. Ciò include torba, carici (alte piante simili all'erba, tra cui papiri), mangrovie e riso.

 

La biodiversità in acqua dolce offre una varietà di benefici (servizi ecosistemici) alle persone, tra cui:

Alimenti. Nei paesi in via di sviluppo, la pesca nelle acque interne può fornire la fonte primaria di proteine animali per molte comunità rurali. L'acquacoltura, l'allevamento di pesci e altri animali acquatici (ad esempio gamberetti), può anche fornire cibo e reddito a molte persone, così come l'agricoltura delle zone umide, come la risicoltura.

Fibre. Nel corso della storia umana molte piante delle zone umide sono state una fonte di fibre per produrre oggetti. Il papiro, ad esempio, era utilizzato per la fabbricazione della carta già nel 4000 a.C..

Benefici ricreativi e culturali. molti fiumi, laghi e zone umide sono molto apprezzati per benefici ricreativi e culturali, alcuni dei quali hanno un alto valore economico (come il turismo). Nei paesi sviluppati, la pesca sportiva è anche un'importante attività ricreativa e un'importante fonte di reddito per molte comunità.

Stoccaggio del carbonio. I cambiamenti climatici sono in gran parte dovuti al rilascio di anidride carbonica e altri gas serra nell'atmosfera. Le zone umide, in particolare le torbiere, sono "pozzi di carbonio": rimuovono e immagazzinano quantità significative di carbonio dall'atmosfera. Le torbiere da sole immagazzinano più del doppio di carbonio rispetto a tutte le foreste del mondo. La distruzione di queste zone umide provoca il rilascio di carbonio nell'atmosfera, aumentando l'intensità del cambiamento climatico globale. Lo sfruttamento umano ha distrutto il 25 percento delle torbiere sulla Terra.

Purificazione e filtrazione dell'acqua. Piante, animali e batteri nelle foreste, nei suoli e nelle zone umide filtrano e purificano anche l'acqua. Le piante delle zone umide accumulano nei loro tessuti sostanze nutritive in eccesso (come fosforo e azoto) e sostanze tossiche (come metalli pesanti) rimuovendole dall'acqua circostante e impedendo loro di raggiungere l'acqua potabile.

Regolazione delle inondazioni. Molte zone umide offrono una barriera naturale contro le inondazioni. Torbiere, praterie umide e pianure alluvionali alla fonte di corsi d'acqua e fiumi agiscono come spugne, assorbendo l'eccesso di deflusso dell'acqua piovana e la fusione delle nevi primaverili, rilasciandola lentamente nei fiumi e permettendole di essere assorbita più lentamente nel terreno, prevenendo inondazioni improvvise e dannose a valle. Le zone umide costiere dipendenti dall'acqua dolce, come mangrovie, salmastre, piane di marea, delta ed estuari, possono limitare gli effetti dannosi delle mareggiate e delle onde di marea agendo come barriere fisiche che riducono l'altezza e la velocità dell'acqua. Poiché i cambiamenti climatici globali innalzano il livello del mare e aumentano le condizioni meteorologiche estreme in molte parti del mondo, la necessità di questi servizi non è mai stata così grande.

 

Stiamo perdendo biodiversità molto velocemente, anche negli ecosistemi di acqua dolce.

• Circa il 20% delle specie di pesci d'acqua dolce è considerato estinto o minacciato, una percentuale molto maggiore rispetto ai pesci marini.

• Il 44% delle 1200 popolazioni di uccelli acquatici sono in declino.

• Il 42% delle popolazioni di di anfibi sono in declino.

• Gli animali che vivono in associazione con l'acqua dolce tendono a mostrare il massimo livello di minaccia (inclusi, ad esempio, farfalle, mammiferi e rettili).

In media, oltre la metà della zona umida naturale è stata persa nella maggior parte dei paesi sviluppati. In Canada, ad esempio, oltre l'80% delle zone umide vicino ai principali centri urbani è stato convertito per uso agricolo o espansione urbana; in molti altri, la perdita è superiore al 90 percento.

Questa perdita di biodiversità è dovuta, principalmente, alle esigenze umane poste sugli habitat di acqua dolce e umida a causa di fattori quali:

• Conversione dell'habitat, attraverso il drenaggio delle zone umide per l'agricoltura, lo sviluppo urbano.

• uso eccessivo di acqua per irrigazione, uso industriale e domestico, interferendo con la disponibilità di acqua.

• Inquinamento dell'acqua attraverso nutrienti in eccesso (fosforo e azoto) e altri inquinanti come pesticidi e prodotti chimici industriali e urbani.

• Introduzione di specie aliene, causando l'estinzione locale di specie autoctone d'acqua dolce.

 

Queste minacce sono in rapido aumento man mano che la popolazione umana cresce e le richieste sull'acqua aumentano.

Anche il cambiamento climatico sta diventando una minaccia importante per le zone umide e la loro biodiversità. I suoi impatti principali saranno sull'acqua dolce: lo scioglimento dei ghiacciai e delle calotte di ghiaccio (che sono acqua dolce) causando l'innalzamento del livello del mare e i cambiamenti nelle precipitazioni (meno in alcune aree, portando alla siccità, più in altre, portando a inondazioni eccessive). Una proiezione indica che la disponibilità di acqua diminuirà in circa un terzo dei fiumi del mondo. Quasi la metà della popolazione mondiale vivrà in zone di forte stress idrico entro il 2030.

 

Youth and united nations global alliance, The youthguide to biodiversity

 


Torna all'indice