Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Kids. In che modo le persone influenzano la biodiversità

 

 

Ogni giorno ci troviamo di fronte a delle scelte. Come individui dobbiamo decidere cosa mangiare, cosa indossare, come andare a scuola e così via. Anche le scuole, le imprese, i governi e altri gruppi fanno delle scelte. Alcune di queste scelte incidono sulla biodiversità, sulla varietà della vita sulla Terra. A volte le nostre scelte hanno un impatto positivo, ad esempio quando decidiamo di utilizzare la biodiversità in modo sostenibile o di proteggerla meglio. Sempre più, tuttavia, molte delle nostre azioni stanno avendo conseguenze negative sulla biodiversità: le attività umane sono la causa principale della perdita di biodiversità.

Gli impatti negativi delle nostre azioni sono diventati così grandi che stiamo perdendo la biodiversità più rapidamente ora che in qualsiasi altro momento della storia recente della Terra. Gli scienziati hanno individuato oltre 47000 specie e hanno scoperto che il 36% di queste sono a rischio estinzione.

L'attuale tasso di perdita in biodiversità ha portato molti a suggerire che la Terra stia attualmente vivendo la sesta estinzione, la precedente è stata quella che ha portato all'estinzione dei dinosauri. Tuttavia, a differenza degli eventi di estinzione passati, causati da disastri naturali e cambiamenti planetari, questo è guidato da azioni umane.

 

Esistono cinque cause principali di perdita di biodiversità:

-          perdita di habitat

-          cambiamento climatico

-          sovra-sfruttamento

-          specie aliene invasive

-          inquinamento.

Ognuna di queste cause esercita un'enorme pressione sulla biodiversità e spesso si verificano contemporaneamente nello stesso ecosistema o ambiente.

La perdita di habitat si verifica quando gli ambienti naturali vengono trasformati o modificati per soddisfare i bisogni umani. È la causa più significativa della perdita di biodiversità a livello globale. La perdita di habitat si osserva a causa della riduzione delle foreste per il legname oppure la conversione dei territori in agricoli, il drenaggio delle zone umide per far posto a nuovi progetti di sviluppo o la costruzione di dighe.

La perdita di habitat può essere causata anche dalla frammentazione, che si verifica quando parti di un habitat vengono separate l'una dall'altra a causa dei cambiamenti in un paesaggio, come la costruzione di strade. La frammentazione rende difficile alle specie di muoversi all'interno di un habitat. Sebbene una certa perdita di habitat sia necessaria per soddisfare le esigenze umane, quando gli habitat naturali vengono cambiati o modificati con scarsa preoccupazione per la biodiversità, i risultati possono essere molto negativi.

 

I cambiamenti climatici, causati da un accumulo di gas serra come l'anidride carbonica nell'atmosfera terrestre, rappresentano una crescente minaccia alla biodiversità. Il cambiamento climatico altera i modelli climatici e gli ecosistemi in cui le specie si sono evolute e dalle quali dipendono. Modificando la temperatura e i modelli di pioggia a cui le specie si sono abituate, i cambiamenti climatici stanno cambiando le gamme tradizionali di specie. Ciò costringe le specie a muoversi per trovare condizioni favorevoli in cui vivere o per adattarsi al loro nuovo clima. Mentre alcune specie potrebbero essere in grado di tenere il passo con i cambiamenti creati dai cambiamenti climatici, altre non saranno in grado di farlo. La biodiversità nelle regioni polari e le catene montuose sono particolarmente vulnerabili ai cambiamenti climatici.

 

Lo sfruttamento eccessivo o l'uso insostenibile si verificano quando la biodiversità viene rimossa più velocemente di quanto possa essere reintegrata e, a lungo termine, può portare all'estinzione delle specie.

 

Le specie esotiche invasive (IAS), o specie che si sono diffuse al di fuori del loro habitat naturale, minacciano la biodiversità nella loro nuova area, sono una delle principali cause di perdita di biodiversità. Queste specie sono dannose per la biodiversità nativa in vari modi, ad esempio come predatori, parassiti, vettori (o portatori) di malattie o concorrenti diretti per l'habitat e il cibo.

In molti casi le specie esotiche invasive non hanno predatori nel loro nuovo ambiente, quindi la loro popolazione spesso non è controllata.

L'introduzione di specie esotiche invasive può essere intenzionale, come con l'introduzione di nuove specie di colture o bestiame, o accidentale come quando le specie vengono introdotte attraverso l'acqua di zavorra o riponendole in container.

 

L'inquinamento, in particolare da nutrienti, come azoto e fosforo, rappresenta una minaccia crescente sia per la terra che per gli ecosistemi acquatici. Ad esempio l’uso su larga scala di fertilizzanti ha permesso di aumentare la produzione di cibo ma ha anche causato gravi danni ambientali, come l'eutrofizzazione.

Nei corpi idrici eutrofici, come laghi e stagni, la concentrazione di nutrienti chimici è così elevata che le alghe e il plancton iniziano a crescere rapidamente. Man mano che queste piante l'eutrofizzazione crescono e decadono, la qualità dell'acqua e la quantità di ossigeno nell'acqua diminuiscono. Queste condizioni rendono difficile la sopravvivenza di molte specie. I nutrienti in eccesso che causano questa situazione provengono principalmente da fertilizzanti, erosione del suolo contenente nutrienti, liquami, deposizione di azoto atmosferico e altre fonti.

 

Sebbene la perdita di biodiversità si stia verificando a un ritmo elevato, esempi da tutto il mondo mostrano che le persone stanno iniziando a fare delle scelte e intraprendere azioni a beneficio della biodiversità.

 

Youth and united nations global alliance, The youthguide to biodiversity

 

 


Torna all'indice