Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

 Cosa dice la scienza sul clima che muta?

 

 

Il glaciologo Renato Colucci: "Non è mai accaduto dall’inizio del Pliocene, circa 5,3 milioni di anni fa, di vedere valori di CO2 così alti". La Terra era un pianeta interamente tropicale, la Pianura padana un mare e la terraferma era popolata da ippopotami e leoni

Cosa dice la scienza sul clima che muta? I climatologi hanno riportato  la variazione delle temperature medie superficiali del Pianeta negli ultimi 11.000 anni.

 

 

 

 

Il grafico è parte di uno studio pubblicato sulla prestigiosa rivista Science nel 2013  da un gruppo di climatologi di Harvard e della Oregon State University, coordinato da Shaun Marcott. L’immagine mostra una curva a forma di arco, con un picco rosso nella parte più a destra. “Sebbene sia del 2013 – sottolinea Colucci, glaciologo del gruppo di ricerca su clima e paleoclima dell’Istituto di scienze marine del Consiglio nazionale delle ricerche (Ismar-Cnr) di Trieste - è ancora il più attuale che abbiamo. È un grafico in scala, ed evidenzia in modo emblematico l’impennata delle temperature medie superficiali della Terra negli ultimi 150 anni. L’aspetto che impressiona di più – aggiunge l’esperto del Cnr – è proprio il picco finale. Nell’arco di migliaia di anni, infatti, la Terra è andata incontro a cambiamenti graduali delle temperature globali, pari a pochi decimi di grado. Negli ultimi 100-150 anni, invece, in appena un secolo la temperatura media globale superficiale è schizzata su di circa 1 grado, e la gran parte di questo riscaldamento – chiarisce Colucci – si è verificata negli ultimi 30 anni”.

Gli esperti sono riusciti a ricostruire le temperature della Terra degli ultimi 12.000 anni, cioè all’incirca da quando i nostri antenati hanno imparato a coltivare la terra, grazie all’aiuto della geologia. Esaminando, ad esempio, i pollini antichi, il decadimento radioattivo degli isotopi nei sedimenti dei fondali marini, o la concentrazione dei gas serra all’interno delle carote di ghiaccio.

 


Leggi anche

Kids. Che informazioni si possono ottenere dai carotaggi dei ghiacci?


 

 

 

 

Man mano che gli scienziati scendono in profondità negli strati di ghiaccio, quindi, è come se portassero indietro nel tempo le lancette della Terra.

 

Gli esperti del Comitato dell’Onu sui mutamenti climatici, l’Ippc, e dell’Organizzazione meteorologica mondiale (Wmo) ci spiegano che la temperatura della Terra è cambiata molto, e talvolta in modo drastico, in tempi lunghissimi. “In 500 milioni di anni ci sono state variazioni di circa 20 gradi”, sottolinea Colucci. “Ma non è mai accaduto dall’inizio del Pliocene, circa 5,3 milioni di anni fa, di vedere valori di CO2 così alti come negli ultimi 150 anni. E nel Pliocene la concentrazione di questo gas serra nell’atmosfera – ha aggiunto il glaciologo del Cnr – era di circa 500 parti per milione (ppm)”.

Oggi, secondo gli esperti della Società geologica italiana, siamo “a poco più di 410 parti per milione, con un aumento del 46% rispetto al valore pre-industriale di 280 ppm”. Secondo le previsioni dell’Ipcc, entro la fine del secolo potremmo raggiungere le concentrazioni dell’inizio del Pliocene: quando la Terra era un pianeta interamente tropicale, con i mari più alti di circa 20 metri, l’Africa che iniziava a desertificarsi, e il Nord Italia in cui la Pianura Padana era ancora un mare, mentre la terraferma era popolata da ippopotami e leoni”.

 

 

 


 Ritorna all'indice