Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Un pallone sonda  è un particolare  pallone aerostatico  che porta a bordo degli  strumenti di misura  meteorologici. Gli strumenti presenti sul pallone sonda hanno il compito di raccogliere ed inviare le misurazioni effettuate, che riguardano la  pressione atmosferica, la temperatura  e l'umidità  dell'aria.

 

 

Ogni 12 ore, centinaia di persone in tutto il mondo rilasciano enormi palloncini bianchi  nel cielo.  I palloncini fluttuano verso l'alto, ciascuno legato a una scatola di strumenti che raccoglie dati  sull'atmosfera .

Questi sono i palloni meteorologici.  Le scatole di strumenti sono chiamate  sonde .  I dati raccolti sono utilizzati nei modelli per migliorare le previsioni meteorologiche.

Oltre alle centinaia di palloni lanciati ogni 12 ore, i palloni meteorologici vengono utilizzati in molti progetti di ricerca per esaminare aspetti dell'atmosfera a cui è difficile accedere.  Ad esempio, usando palloni meteorologici, un meteorologo francese di nome Léon Teisserenc de Bort individuò per primo quella regione dell'atmosfera terrestre,  intorno agli 8-17 chilometri di altezza, dove il  gradiente termico verticale  raggiunge il valore zero, oggi conosciuta come  tropopausa. La  tropopausa  è lo strato di  atmosfera  che separa la  troposfera.

 

 

Strati dell’atmosfera

 

 

In due ore, un pallone meteorologico può sollevarsi sopra le nuvole, più in alto dei percorsi degli aerei a reazione, passando attraverso lo strato di ozono nella stratosfera.  Raggiungendo altitudini di 35 km o superiori, i palloni sopportano temperature fino a -90°C.  A seconda del vento, un pallone può andare alla deriva a più di 200 km dal luogo in cui è stato rilasciato.

Più il pallone viaggia in alto, più si espande, da 2 metri fino a 8 metri, perché la pressione dell'aria diminuisce quando il pallone sale più in alto nell'atmosfera. Alla fine il pallone scoppia. Il pallone in lattice o neoprene è flessibile e può espandersi molto, ma alla fine si rompe, di solito quando il pallone raggiunge un'altitudine in cui la pressione dell'aria è solo una piccolissima frazione di ciò che si trova sulla superficie terrestre. Un piccolo paracadute rallenta la discesa della radiosonde per consentirne il riutilizzo.

Aumentando di circa quattro metri al secondo e misurando due misurazioni dell'atmosfera ogni secondo, è possibile che un pallone raccolga dati ogni due metri attraverso il cielo.  Gli strumenti della sonda misurano temperatura, pressione dell'aria, umidità, velocità del vento e direzione del vento.  Un segnale radio invia questi dati agli scienziati sul terreno.

Ci sono oltre 800 stazioni di osservazione aerea in uso in tutto il mondo, la maggior parte delle quali si trova nell'emisfero settentrionale. Attraverso accordi internazionali, i dati vengono scambiati tra paesi. Sebbene l'uso principale di palloni radiosonde sia per scopi meteorologici a breve termine, i dati vengono anche messi in correlazione con le misurazioni della temperatura terrestre e satellitare.

Tutti e tre i metodi di misurazione della temperatura (cioè temperatura del suolo, radiosonde e satellite) concordano sul fatto che sia la superficie che la troposfera si sono riscaldate e che la stratosfera si è raffreddata.

 

 


Ritorna all'indice