Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

L’effetto del cambiamento climatico non è per tutti uguale!

 

 

Differenze tra l’emisfero del Nord e del Sud

Negli ultimi decenni, le regioni terrestri hanno mostrato un maggiore riscaldamento rispetto agli oceani. Questa osservazione è coerente con la maggiore capacità termica dell'acqua rispetto all'aria.

L'emisfero boreale, rispetto a quello meridionale, ha una maggiore quantità di terra emersa quindi, la temperatura media aumenta maggiormente.

 

La figura mostra la variazione media quinquennale della temperatura superficiale globale. Il rosso scuro indica le aree che hanno subito un incremento maggiore della temperatura (fonte NASA).

 

 

 

Nel secolo scorso, il riscaldamento globale è stato maggiore alle latitudini più alte del nord. Le temperature artiche sono aumentate di quasi il doppio rispetto al resto della Terra.

L’interpretazione dell'andamento delle temperature può essere complicata in quanto le correnti atmosferiche e oceaniche posso ridistribuire il calore assorbito.

Alcune volte c’è una certa confusione. Ad esempio, quando la temperatura media dell'intero pianeta aumenta di 1°C, alcuni luoghi potrebbero essere effettivamente più caldi ma altri luoghi possono segnare delle temperatura al di sotto delle medie.

Di solito, il polo nord si riscalda ad una velocità doppia rispetto all'equatore. La tendenza al riscaldamento dell’Antartide è molto ridotto se confrontato con emisfero del Nord.

 

 

L’urbanizzazione: l’effetto delle isole di calore

Il processo di urbanizzazione ha portato alla concentrazione della popolazione nelle città.

Le strutture nelle aree urbane tendono a intrappolare il calore, determinando temperature locali più elevate. Questo evento è noto come  “effetto isola di calore”. Questo fa sì che l'aria urbana sia di circa 1-6°C più calda rispetto alle regioni rurali circostanti. Tuttavia, secondo l'IPCC, gli effetti delle “heat Island” hanno un'influenza trascurabile sulle temperature globali medie.

 

 

Distribuzione delle temperatura in funzione della zona

 

 

L'effetto isola di calore può far sentire le persone più a disagio nelle afose serate estive, ma non è considerato un fattore di accelerazione dello scioglimento delle calotte polari.

L'effetto “isola di calore” è causato da:

• Riduzione della radiazione notturna del calore assorbito durante il giorno. Le strutture in cemento e acciaio che costituiscono la città agiscono come una coperta che mantiene il calore assorbito durante la giornata.

• Concentrazione di luce che si riflette dalle superfici verticali.

• Restrizione di percorsi conduttivi e convettivi per la fuga del calore in quelli che sono effettivamente canyon urbani.

• La concentrazione locale dei gas serra determina un maggiore assorbimento di calore dalla terra.

• Generazione di calore locale da automobili, condizionatori d'aria e industria.

Più del 50% della popolazione mondiale vive in aree urbane, con un numero che si avvicina al 75% nei paesi occidentali. Di conseguenza, molte persone stanno vivendo con maggior disagio l'aumento delle temperature locali in quanto possono influire sulla loro salute e comfort, ma questo non è correlato al riscaldamento globale.

Per evitare di falsare le misurazioni della temperatura globale, le stazioni di temperatura considerate urbane sono escluse dal set di dati.

 

 

 


Ritorna all'indice