Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

L'Antartide è il continente più arido della Terra ed è più freddo dell'Artico

 

Rispetto all'Artico, l'Antartide sta rispondendo più lentamente ai cambiamenti climatici. Il punto di fusione dell'acqua è una soglia critica per il rapido cambiamento nelle regioni polari, e solo una piccola parte della neve sulle lastre di ghiaccio alte miglia dell'Antartide raggiunge quella temperatura in estate. L'Antartide è anche circondata da un vasto oceano, ed è protetto da venti e da fenomeni meteorologici che tendono ad isolarlo dalle grandi intrusioni di aria calda. Tuttavia, il continente ghiacciato è diventato più caldo e, di conseguenza, ha perso miliardi di tonnellate di ghiaccio. Le sue future risposte al riscaldamento dell'aria e dell'oceano potrebbero avere conseguenze a livello mondiale.

 

 

 

Sebbene si trovi più lontano dall'equatore come l'Artico, e sebbene sia anche ampiamente congelato, l'Antartide è per molti versi l'opposto dell'Artico. L'Artico è un bacino oceanico coperto di ghiaccio circondato da masse terrestri; l'Antartide è un continente circondato da un vasto oceano.

I geografi dividono il continente in tre regioni: l'Antartide orientale, l'Antartide occidentale e la Penisola Antartica. L'Antartide orientale è diviso da quello occidentale dalle montagne trans antartiche.

 

 

 

La temperatura media estiva è di -27°C mentre la temperatura media invernale è di -60°C. Queste temperature sono molto più basse rispetto al Polo Nord, che raggiunge in media -40°C in inverno e 0°C in estate. L'Antartide il luogo più freddo della Terra.

Nella parte interna dell'Antartide ci sono poche precipitazioni, come nei deserti più aridi del mondo. Vicino alle coste, invece, ci sono forti tempeste con intense precipitazioni. Le parti più nevose del continente sono la penisola antartica e la costa settentrionale dell'Antartide occidentale.

Come altri continenti, l'Antartide percepisce gli impatti dei cambiamenti climatici a diversi livelli in diversi luoghi. Diversi studi hanno riportato l'aumento delle temperature nell'Antartide occidentale. Uno studio del 2013, condotto da David Bromwich, ha riportato un aumento della temperatura di 15°C nel periodo 1958-2010. 

 

Questa mappa mostra la variazione della temperatura annuale per il periodo 1958-2012 espresso in  °C/decennio. La spessa linea nera delinea l'area di alta fiducia (Antartide occidentale e Penisola Antartica). NS indica che l'area ad est della spessa linea nera ha livelli di confidenza che non sono statisticamente significativi. All'interno di quella regione, le linee tratteggiate indicano aree di media confidenza.

 

 

Non è noto quanto abbiano influito le emissioni, causate dalle attività umane, sul riscaldamento dell’Antartide in quanto l’effetto è stato parzialmente schermato dal buco dell’ozono e dai suoi effetti sulla circolazione dell'aria.

Sebbene non esistano dati nel lungo periodo è stato possibile avere comunque dei rilevamenti.

 

Temperature medie mensili della superficie del mare nell'Oceano Antartico intorno all'Antartide dal 1850-2017.

 

 

A causa delle differenze geografiche di base, le estensioni del ghiaccio marino antartico sono più piccole di quelle dell'Artico in estate e più grandi in inverno.

In contrasto con l'Artico, dove gli effetti del cambiamento climatico è amplificato, il ghiaccio marino antartico non mostra una tendenza generale significativa né in estate né in inverno. Solo una regione, a sud e ad ovest della penisola antartica, ha mostrato un declino persistente ma questa tendenza è piccola rispetto all'elevata variabilità delle altre regioni di ghiaccio marino antartico. 

Nell'ultimo decennio, la banchisa antartica ha raggiunto i due massimi storici (2013 e 2014) e le due estensioni minime più basse mai registrate (2017 e 2018). Il comportamento del ghiaccio marino antartico ad oggi sembra avere più a che fare con la variabilità naturale, compresi i cicli annuali e decadali nell'Oceano meridionale circostante, piuttosto che con i cambiamenti climatici causati dall'uomo.

Le nevicate antartiche si sono accumulate in milioni di anni per costruire la più grande lastra di ghiaccio del mondo, essenzialmente un enorme ghiacciaio che scorre in tutte le direzioni. La calotta glaciale copre praticamente tutta l'area terrestre antartica, raggiungendo l'oceano attraverso decine di ghiacciai. Alcuni ghiacciai terminano proprio sulla costa, e alcuni si estendono sull'oceano in lastre galleggianti.

 

 

 

 

Le calotte di ghiaccio guadagnano terreno attraverso la nevicata e, per una quantità minuscola, le precipitazioni. Perdono la massa in tre modi: ablazione (evaporazione del ghiaccio), distacco degli iceberg e scioglimento. Quando la perdita media di ghiaccio annuale attraverso la fusione è uguale alle nevicate, la calotta glaciale è in equilibrio. Altrimenti, la calotta glaciale guadagna o perde massa.

Il ruolo dell'Antartide nell'innalzamento del livello del mare

In questo momento, il contributo dell'Antartide all'innalzamento del livello del mare può essere misurato in millimetri. Sulla penisola antartica, dove i crolli del ghiaccio hanno portato a un'accelerazione misurabile del ghiacciaio, l'effetto sul livello del mare è attualmente solo di un decimo di millimetro.

Un progetto congiunto Stati Uniti-Regno Unito ha lo scopo di studiare il ghiacciaio Thwaites nell'Antartide occidentale. Questo ghiacciaio, che ha le dimensioni della Florida, si sta sciogliendo rapidamente e si teme che  possa crollare. Il vicino ghiacciaio Pine Island scorre circa il 60% più velocemente di quanto non fosse negli anni '70, e rappresenta un potenziale pericolo per le comunità costiere.

Se l'intera calotta di ghiaccio antartico si sciogliesse in una volta, il livello del mare aumenterebbe di 55 metri. Al di fuori di un epico disastro naturale come un asteroide che impatta sull’Antartide, la calotta non si scioglierà mai completamente ma contribuirà all'innalzamento del livello del mare nel prossimo secolo. La domanda è quanto? Il quinto rapporto di valutazione dell'IPCC (AR5) afferma che l'effetto delle calotte polari antartiche sull'innalzamento del livello del mare nel corso del prossimo secolo è un grosso problema sconosciuto. Non solo la velocità di fusione dei ghiacci è difficile da misurare con precisione, ma altri eventi potrebbero accelerare l'innalzamento del livello del mare, ed è difficile sapere quando o se tali eventi si verificheranno.

 

 fonte NOAA

 

 

 


Ritorna all'indice