Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Dati aggiornati sui livelli di CO2. Ultimo aggiornamento 12 aprile 2019

Con l'aumentare dei livelli di CO2, il conteggio delle emissioni di carbonio deve diventare un promemoria quotidiano

 

 

La misura più semplice di come la combustione di massa dei combustibili fossili sta distruggendo il clima stabile in cui si è sviluppata la civiltà umana è il numero di molecole di anidride carbonica nell'atmosfera.

Oggi il livello di CO2 è il più alto da diversi milioni di anni. A quel tempo, le temperature erano più calde di 3-4°C, il livello del mare era 15-20 metri più alto e gli alberi crescevano al polo sud.

 

L'ultima volta che i livelli di CO2 erano così alti …. c'erano gli alberi al Polo Sud

 

All'alba della rivoluzione industriale, la CO2 era a 280 parti per milione (ppm) nell'atmosfera. Nel 1958 aveva raggiunto 315 ppm. Ha superato i 350 ppm nel 1986 e 400 ppm nel 2013.

 

 

 

I confronti anno su anno sono importanti perché ogni anno c'è un naturale aumento e diminuzione dei livelli di CO2, piuttosto come il respiro del pianeta. Alberi e piante assorbono carbonio e rilasciano ossigeno mentre crescono, abbassando la CO2 atmosferica.

Poiché la maggior parte delle piante si trova nell'emisfero settentrionale, la CO2 raggiunge il livello più basso ogni anno alla fine della stagione di crescita in ottobre. Poi inizia a salire mentre le piante morenti si degradano, raggiungendo un picco a maggio o giugno.

Il livello di CO2 è una misura importante e simbolico del riscaldamento globale causato dalle umanità. Gli aumenti di temperatura che il mondo sperimenta, le ondate di caldo, le tempeste e le siccità dipendono anche dalla velocità con cui le emissioni salgono o scendono e da quanto tempo rimangono ad alti livelli.

Per mantenere la Terra sotto 1,5°C di riscaldamento, l'aspirazione delle nazioni del mondo, dobbiamo dimezzare le emissioni entro il 2030 e raggiungere lo zero entro la metà del secolo. Probabile avremo anche bisogno di rimuovere la CO2 dall'atmosfera, forse attraverso il ripristino su larga scala della natura.

 

 

CO2 globale recente (aggiornamento 12 aprile 2019)

 

 

Marzo 2019:    

 

411,97 ppm

Marzo 2018:    

 

409,41 ppm

 

 

 

Il grafico mostra la media mensile media di biossido di carbonio mediata sui siti di superficie marina. La divisione di monitoraggio globale del laboratorio di ricerca del sistema Terra (NOAA) ha misurato l'anidride carbonica e gli altri gas a effetto serra per diversi decenni in una rete distribuita a livello mondiale di siti di campionamento dell'aria 

Qui vengono mostrati gli ultimi quattro anni completi più l'anno in corso. L'ultimo anno di dati è ancora preliminare, in attesa di ricalibrazioni dei gas di riferimento e di altri controlli di qualità.

I dati sono riportati come il numero di molecole di biossido di carbonio diviso per il numero di tutte le molecole presenti nell'aria  in una frazione molare di aria secca definita dopo che il vapore acqueo è stato rimosso. La frazione molare è espressa in parti per milione (ppm). Esempio: 0.000400 è espresso in 400 ppm.

La linea rossa tratteggiata con simboli a forma di diamante rappresenta i valori medi mensili, centrati a metà di ogni mese. La linea nera con i simboli quadrati rappresenta lo stesso, dopo la correzione per il ciclo stagionale medio.

 

 

 

Storia del biossido di carbonio atmosferico da 800.000 anni fa fino a gennaio 2016.

 

 

 

 

 

fonte NOAA

 

 

 

 


Ritorna all'indice


 

 

 

Joomla templates by a4joomla