Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Antropocene VS Omogenocene

Antropocene VS Omogenocene

 

 

La parola antropocene, ormai ampiamente accettata, considera l’uomo l’”attore principale”. 

L'omogenocene, al contrario, non riguarda le persone. Questa teoria trova le sue radici nel trattato di Charles Mann “1493. Pomodori, tabacco e batteri. Come Colombo ha creato il mondo in cui viviamo “. L’autore ha dimostrato come sia importante l’omogeneizzazione della vita biologica negli equilibri degli ecosistemi. Gli esseri umani sono ancora istigatori, persino personaggi come Colombo, Cortez, Pizzarro e gli altri. Ma gli attori chiave in questa storia non sono solo gli ammiragli o i conquistatori; ma anche il tabacco, le zanzare, i virus, le specie vegetali e animali come patate, pomodori e altre cose.

 

L'autore Charles C. Mann ha presentato delle prove dimostrando che, ad esempio, le popolazioni autoctone dell’Isola di Turtle avevano una società altamente sviluppata e avevano acquisito conoscenze complesse in particolare nell’agricoltura. L’arrivo degli europei, alla ricerca di merci, distrussero tale società.  L’ammiraglio Colón avviò una massiccia globalizzazione di prodotti agricoli. Fu l'inizio dell'omogenocene, come lo definisce Mann: "una nuova era biologica ... mescolando sostanze diverse per creare una miscela uniforme".

La massiccia mescolanza del biota mondiale si ebbe quando le navi europee collegarono il continente americano al resto del mondo.

Il primo cambiamento epocale si ebbe quando si verificò lo scambio microbico --- 20 malattie letali furono esportate dall'Europa nelle Americhe mentre solo una (la sifilide) prese la strada inversa. Nell'America del Nord, che era stata in gran parte liberata dai nativi con il fuoco e l'agricoltura, i due terzi degli abitanti nativi morirono a causa di malattie europee - "la più grande catastrofe demografica della storia umana".

Nel frattempo Le navi mercantili scorazzavano negli oceani del mondo. La Bolivia arricchì l'Europa di argento ma anche fece conoscere la patata --- una singola varietà su 6.000 disponibili. L’Europa si accorse che le patate erano in grado di fornire quattro volte la quantità di cibo rispetto ad un ettaro di grano, le carestie erano finite, la popolazione iniziò ad aumentata, i governi divennero più stabili.

In Cina, che non ha grandi laghi e solo due grandi fiumi, l'agricoltura era stata limitata a due regioni umide in cui si poteva coltivare il riso. Due importazioni dall'America --- mais e patata dolce --- estesero l’agricoltura anche in terre secche. Come in Europa, la popolazione aumentò.

In America due malattie importate - la malaria e la febbre gialla - erano selettive in chi uccidevano. Gli europei morirono in gran numero, ma gli africani erano molto meno sensibili. Come risultato, con la schiavitù, molti africani attraversarono l'Atlantico e iniziarono a mescolarsi con i rimanenti nativi americani, dando vita a un'infinita varietà di miscele razziali e di vitalità che li accompagnava in tutte le Americhe.

L'omogenocene ha anche portato, inseguendo il profitto,  ad un disastro su vasta scala . Le colture sono state coltivate senza riguardo per la deforestazione, l'erosione del suolo, le inondazioni e simili.

 

L'omogenocene è un modo complesso per comprendere la globalizzazione e forse anche la modernità. Un processo di miscelazione, di riunire le cose - persone, piante, animali, virus, insetti - che una volta erano per lo più separati. Anche se gli umani l'hanno forse iniziato, è abbastanza chiaro che è al di fuori del controllo umano.

 

 

 

 


Ritorna all'indice


 

 

 

Joomla templates by a4joomla