Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

 Il biossido di carbonio (CO2) è un importante sostanza in grado di trattenere il calore.

 

La tendenza al riscaldamento attuale è di particolare importanza in quanto è dovuto molto probabilmente  (superiore al 95% di probabilità) alle attività umana.

I satelliti in orbita attorno alla Terra e altri progressi tecnologici hanno permesso agli scienziati di vedere il quadro generale, raccogliendo molti tipi diversi di informazioni sul nostro pianeta e il suo clima su scala globale. Questo insieme di dati, raccolti nel corso di molti anni, rivela i segnali di un clima che cambia.

La natura intrappolante del biossido di carbonio e di altri gas è stata dimostrata a metà del XIX secolo. Non c'è dubbio che l'aumento dei livelli di gas a effetto serra causano il riscaldamento della Terra.

Le carote di ghiaccio provenienti dalla Groenlandia, dall'Antartide e dai ghiacciai delle montagne tropicali mostrano che il clima della Terra risponde ai cambiamenti dei livelli di gas serra. Antiche testimonianze possono essere trovate anche negli anelli degli alberi, nei sedimenti oceanici, barriere coralline e strati di rocce sedimentarie. Queste analisi paleo-climatiche rivelano che il riscaldamento attuale è più veloce di circa dieci volte rispetto al passato.

 

 

 

Il biossido di carbonio (CO2) è un importante sostanza in grado di trattenere il calore. Questa sostanza viene rilasciata attraverso le attività umane come la deforestazione e la combustione di combustibili fossili, così come i processi naturali come la respirazione e le eruzioni vulcaniche. Il grafico mostra i livelli di CO2 presente nell’atmosfera terrestre nel corso degli ultimi tre cicli glaciali, come ricostruito dall’analisi dei carotaggi effettuati nei ghiacci (fonte NASA).

 

 

 

 

I dati provengono da dati di paleoclimatologia effettuati nella base antartica di Vostok. Sono stati effettuati carotaggi del ghiaccio fino a 3000 metri di profondità, corrispondenti a 420.000 anni di accumulo di strati di neve. Nella base Dome C sono state estratte carote corrispondenti a 800.000 anni. La datazione della neve viene effettuata attraverso le misure degli isotopi radioattivi mentre il contenuto di CO2 nell’atmosfera attraverso l’analisi delle bolle d’aria intrappolate nel ghiaccio. Dall’analisi isotopica di idrogeno/deuterio e ossigeno16/ossigeno18 delle bolle d’aria è anche possibile avere indicazioni sulla temperatura del periodo.

 

 

 

I principali gas emessi dalle attività umane con un effetto climalterante sono CO2 (biossido di carbonio), CH4 (metano), N2O (protossido d’azoto), e gas fluorurati, principalmente HFC (idrofluorocarburi), PFC (perfluorocarburi) e SF6 (esafluoruro di zolfo).

Il totale delle emissioni di gas ad effetto serra associate direttamente o indirettamente ad un prodotto, un’organizzazione o un servizio si chiama Carbon Footprint. La sua quantificazione è collegata alla identificazione nel sistema analizzato dei gas ad effetto serra espressi dal Protocollo di Kyoto, ciascuno dei quali viene poi ponderato per il suo contributo all’aumento dell’effetto serra (cioè il suo “potere climalterante”, il Global Warming Potential – GWP) rispetto a quello della CO2 convenzionalmente posto = 1. Il valore (ponderato) legato al contributo climalterante di tutti i sopracciati gas serra emessi durante il ciclo produttivo viene espresso in termini di CO2eq (CO2 equivalente).

 

 

 

 

 

 

Oltre a questi 6 inquinanti, considerati ai fini delle rendicontazioni degli impegni del Protocollo di Kyoto, il Quarto Rapporto dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) sottolinea l’effetto climalterante di altre sostanze, come l’ozono (O3) e le sostanze particolate, che impattano sullo sbilanciamento energetico del pianeta. Queste ultime possono avere sia un effetto raffreddante - tipicamente attribuito alle polveri più grossolane - che un effetto riscaldante, legato alle polveri più fini di origine carboniosa denominate “fuliggine” o “black carbon” (BC).

 

 

 

Nelle stime delle emissioni delle sostanze climalteranti non sono invece generalmente considerate altre sostanze – come ossidi d’azoto (NOx), monossido di carbonio (CO) e composti organici volatili non metanici (COVNM) – che hanno un effetto indiretto sul clima del pianeta in quanto influiscono sulla presenza delle sostanze principali.

 

Uno dei più importanti gas ad effetto serra – infine – è il vapore acqueo, naturalmente presente nell’atmosfera. Le attività umane non hanno un effetto diretto nell’alterare il bilancio dell’acqua: ciò significa che il vapor acqueo prodotto dalle attività civili e industriali (per esempio, dalle torri evaporative delle centrali elettriche) non è quantitativamente rilevante. Tuttavia la climatologia ha dimostrato che la quantità di vapor acqueo in atmosfera aumenta con la temperatura, e quindi con la presenza di altri gas climalteranti: l’aumento di vapor acqueo è quindi un “feedback positivo”, cioè un effetto indiretto della presenza di gas climalteranti in atmosfera che ne amplifica ulteriormente gli effetti.

 

 

 

 


 Ritorna all'indice


 

 

 

Articoli Correlati