Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

  • Per i paesi dell’Unione Europea il clima non conta?
    .... Leggi ancora
  • Lo stress termico è un costo per l’economia
    .... Leggi ancora
  • I cambiamenti climatici potrebbero rappresentare una "minaccia esistenziale" entro il 2050
    .... Leggi ancora
  • Allarme Onu, il pianeta rischia un apartheid climatico
    .... Leggi ancora
  • Le piantagioni per la bioenergia potrebbero combattere i cambiamenti climatici, ma minacciano le colture alimentari, avverte il gruppo ONU
    .... Leggi ancora

Le grandi piantagioni di bioenergia possono sostituire l'habitat naturale e le colture alimentari.

 

 

Nel tentativo di impedire al pianeta di raggiungere temperature pericolose, un approccio ibrido chiamato BECCS (bioenergia con cattura e stoccaggio del carbonio) ha un fascino seducente.  Le colture aspirano l'anidride carbonica (CO2) dall'atmosfera, le centrali elettriche bruciano la biomassa per generare elettricità e le emissioni vengono catturate in un fumaiolo e pompate sottoterra per lo stoccaggio a lungo termine.  L'energia viene generata anche quando la CO2 viene rimossa.  Ma il panel sul clima delle Nazioni Unite ha lanciato un avvertimento sulla creazione di vaste piantagioni di bioenergia  in quanto potrebbero mettere a repentaglio la produzione di cibo, l'approvvigionamento idrico e i diritti alla terra per i poveri agricoltori.

"Il nostro rapporto è una specie di controllo della realtà", afferma Lennart Olsson del Center for Sustainability Studies dell'Università di Lund in Svezia, autore principale di un rapporto speciale pubblicato dall'Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) a Ginevra, Svizzera.  Invece di puntare molto sulla bioenergia, i governi devono concentrarsi sulla dura medicina per ridurre l'uso di combustibili fossili, affermando che  "Non c'è scorciatoia per mitigare i cambiamenti climatici".

 

 

 

Il rapporto IPCC esamina le interazioni di clima, foreste e terreni agricoli, esplorando, ad esempio, l'impatto delle siccità sull'agricoltura.  Il rapporto conferma che fermare la deforestazione e preservare il carbonio immagazzinato nel suolo sono passi fondamentali per combattere i cambiamenti climatici.  Ma, poiché tali misure da sole non saranno sufficienti per riportare il clima del pianeta nella zona di sicurezza, esamina anche  la fattibilità del BECCS, una strategia di "emissioni negative"  che finora è stata testata solo in alcune centrali elettriche.

 

In un precedente rapporto speciale dell'ottobre 2018, l' IPCC ha chiesto di mantenere l'aumento delle temperature medie globali  a non più di 1,5°C al di sopra delle condizioni preindustriali per evitare le peggiori conseguenze dei cambiamenti climatici.  Ha sottolineato che il taglio delle emissioni non sarà sufficiente per raggiungere tale obiettivo.  Sostituire il carbone con energia rinnovabile e ridurre significativamente il petrolio e il gas naturale lascerebbe ancora gigatoni di carbonio in eccesso nell'atmosfera.  BECCS potrebbe rimuoverlo, hanno suggerito modelli computerizzati, se diversi milioni di chilometri quadrati - un'area delle dimensioni dell'India - fossero dedicati alle colture energetiche.

 

Il nuovo rapporto esamina le conseguenze della diffusione di BECCS su vasta scala e conclude che potrebbe "aumentare notevolmente" la domanda di terreni agricoli.  La pressione sulle colture convenzionali potrebbe compromettere la sicurezza alimentare, come è accaduto nel 2007 quando l'aumento  della produzione di etanolo da mais negli Stati Uniti ha contribuito a un aumento dei prezzi dei prodotti alimentari .  (In Messico, il prezzo delle tortillas, un alimento base per i poveri, è aumentato del 69% tra il 2005 e il 2011.) Le piantagioni di bioenergia potrebbero anche influire sulla biodiversità, come sta accadendo nel sud-est asiatico, dove le piantagioni che producono olio di palma per il biodiesel come così come il cibo stanno sostituendo diverse foreste tropicali. 

 

Olsson sottolinea che le colture bioenergetiche industriali possono portare agli stessi tipi di problemi della produzione intensiva di alimenti, come la contaminazione dell'acqua da eccesso di fertilizzante.  Il potenziamento della bioenergia nei paesi in via di sviluppo può anche esacerbare problemi sociali come la perdita di terra da parte dei piccoli agricoltori.  Il BECCS su larga scala potrebbe non funzionare come previsto: le piantagioni potrebbero essere distrutte dai parassiti o ottenere un sequestro del carbonio inferiore a quello previsto. 

 

(fonte Science)

 

 

 

 

 

Articoli Correlati