Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

  • Il ghiaccio artico raggiunge il secondo minimo più basso di sempre
    .... Leggi ancora
  • Lo stress termico è un costo per l’economia
    .... Leggi ancora
  • I cambiamenti climatici potrebbero rappresentare una "minaccia esistenziale" entro il 2050
    .... Leggi ancora
  • Allarme Onu, il pianeta rischia un apartheid climatico
    .... Leggi ancora
  • Le piantagioni per la bioenergia potrebbero combattere i cambiamenti climatici, ma minacciano le colture alimentari, avverte il gruppo ONU
    .... Leggi ancora

Scenari 2050: Venti giorni di calore letale all'anno.  Ecosistemi collassati.  E oltre 1 miliardo di persone sfollate.

 

Il Breakthrough National Center for Climate Restoration di Melbourne ha redatto un nuovo documento con un tentativo di modellare scenari futuri basati sulla ricerca esistente.

Il documento dipinge un triste futuro in cui più di un miliardo di persone sono sfollate, la produzione di cibo cala e alcune delle città più popolose del mondo vengono parzialmente abbandonate.

 

I cambiamenti climatici si intersecano con i rischi di sicurezza nazionale preesistenti per fungere da moltiplicatore della minaccia e accelerare l'instabilità, contribuendo all'escalation dei cicli di crisi umanitarie e socio-politiche, conflitti e migrazioni forzate.

Gli impatti dei cambiamenti climatici sui sistemi alimentari e idrici, il calo dei raccolti e l'aumento dei prezzi alimentari spinti dalla siccità, dagli incendi e dai mancati raccolti sono già diventati catalizzatori per la disgregazione sociale e i conflitti in Medio Oriente, Maghreb e Sahel, contribuendo alla crisi della migrazione europea.

 

 

2050: uno scenario apocalittico

Lo scenario “serra terrestre” è stato raggiunto ma ci sono ancora emissioni significative di gas serra.

Il livello è già aumentato di 0,5 m, ma potrebbe aumentare di 2-3 metri entro il 2100. Il 35% della superficie terrestre globale e il 55% della popolazione mondiale sono soggetti a più di 20 giorni all'anno di condizioni di calore letale, oltre la soglia della sopravvivenza umana.

 

La destabilizzazione del Jet Stream ha influenzato in modo significativo l'intensità e la distribuzione geografica dei monsoni dell'Asia e dell'Africa occidentale e, insieme all'ulteriore rallentamento della Corrente del Golfo, sta colpendo i sistemi di supporto vitale in Europa. L'America del Nord soffre di condizioni meteorologiche estreme come incendi, ondate di calore, siccità e inondazioni. I monsoni estivi in Cina si sono ridotti notevolmente, e l'acqua che scorre nei grandi fiumi dell'Asia sono gravemente ridotti dalla perdita di oltre un terzo della calotta glaciale dell'Himalaya. Le perdite glaciali raggiungono il 70% nelle Ande e le precipitazioni in Messico e in America centrale si sono dimezzate.

L'aridificazione è presente su oltre il 30% della superficie terrestre del mondo. La desertificazione è grave nell'Africa meridionale, nel sud del Mediterraneo, nell'Asia occidentale, nel Medio Oriente, nell'entroterra australiano e attraverso gli Stati Uniti sudoccidentali.

Un certo numero di ecosistemi collassano, compresi i sistemi delle barriere coralline, della foresta pluviale amazzonica e dell'Artico.

Alcune nazioni e regioni più povere, che non hanno la capacità di fornire ambienti artificialmente raffreddati per le loro popolazioni, sono sotto scacco. Le condizioni di calore mortale persistono per oltre 100 giorni all'anno in Africa occidentale, Sud America tropicale, Medio Oriente e Asia sud-orientale, contribuendo a far sfollare più di un miliardo di persone dalla zona tropicale.

La disponibilità di acqua diminuisce drasticamente nelle regioni più colpite alle latitudini più basse (tropici secchi e subtropicali), colpendo circa due miliardi di persone in tutto il mondo. L'agricoltura diventa non vitale nelle regioni subtropicali aride.

La maggior parte delle regioni del mondo registra un calo significativo della produzione alimentare e un numero crescente di eventi meteorologici estremi, tra cui ondate di calore, inondazioni e tempeste. La produzione alimentare è inadeguata per nutrire la popolazione globale e i prezzi dei prodotti alimentari aumentano vertiginosamente.

I tratti più bassi dei delta fluviali importanti dal punto di vista agricolo come il Mekong, il Gange e il Nilo sono inondati e settori significativi di alcune delle città più popolose del mondo - tra cui Chennai, Mumbai, Giacarta, Guangzhou, Tianjin, Hong Kong, Ho Chi Minh Città, Shanghai, Lagos, Bangkok e Manila - sono abbandonati. Alcune piccole isole diventano inabitabili. Il 10% del Bangladesh è inondato, si sono spostate 15 milioni di persone.

Anche se la temperatura aumenta di 2°C, potrebbe essere necessario ricollocare più di un miliardo di persone.

In alcune condizioni i modelli rivelano un’alta probabilità che la civiltà umana finisca.

 

 

 

Questo scenario offre uno sguardo su un mondo di "caos totale", un sentiero verso la fine della civiltà umana e della società moderna come lo abbiamo conosciuto, in cui le sfide alla sicurezza globale sono semplicemente travolgenti e il panico politico diventa la norma.

Eppure il mondo è attualmente completamente impreparato a prevedere, e ancor meno a trattare, le conseguenze di un catastrofico cambiamento climatico.

 

Cosa si può fare per evitare un futuro così probabile ma catastrofico? È chiaro che è necessaria un'azione decisa se si vuole evitare lo scenario della "serra terrestre". Per ridurre questo rischio e proteggere la civiltà umana, è necessaria una massiccia mobilitazione globale di risorse nel prossimo decennio per costruire un sistema industriale a emissioni zero e avviare il ripristino di un clima sicuro. Ciò sarebbe simile alla portata della mobilitazione di emergenza della seconda guerra mondiale.

 

Vi è una crescente consapevolezza che una tale risposta è ora necessaria. Il prof. Kevin Anderson illustra la costruzione in stile Marshall di un approvvigionamento energetico a zero emissioni di anidride carbonica e l'elettrificazione principale per costruire una strategia industriale a zero emissioni di carbonio con "uno spostamento della capacità produttiva della società simile a quello della seconda guerra mondiale" . 

 

"Solo un drastico rifacimento di tutta l'economia entro il prossimo decennio, coerente con un riscaldamento limitato a 1,5°C", eviterebbe la transizione del Sistema Terra alle condizioni simili al Pliocene. Va notato che non è certo che l'obiettivo di 1,5°C non garantisce la sopravvivenza di alcuni habitat, come  il ghiaccio marino artico, l'Antartide occidentale e le barriere coralline.

 

 

Fonte

Breakthrough - National Centre for Climate Restoration “Existential climate-related security risk: A scenario approach”, maggio 2019