Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

  • L'impronta del riscaldamento globale sulla siccità
    .... Leggi ancora
  • Il cambiamento climatico mette sotto pressione il sistema energetico europeo
    .... Leggi ancora
  • Per i paesi dell’Unione Europea il clima non conta?
    .... Leggi ancora
  • Il costo per il cambiamento climatico sta aumentando molto velocemente .... Leggi ancora L'impronta del riscaldamento globale sulla siccità .... Leggi ancora Il cambiamento climatico mette sotto pressione il sistema energetico europeo .... Leggi ancora Per i paesi dell’Unione Europea il clima non conta? .... Leggi ancora < > Lo stress termico è un costo per l’economia
    .... Leggi ancora
  • I cambiamenti climatici potrebbero rappresentare una "minaccia esistenziale" entro il 2050
    .... Leggi ancora

Secondo un rapporto dell'Agenzia europea dell'ambiente, tutte le parti del sistema energetico europeo, dalla disponibilità di fonti energetiche al consumo di energia, sono potenzialmente vulnerabili ai cambiamenti climatici

 

Secondo un rapporto dell'Agenzia europea dell'ambiente, tutte le parti del sistema energetico europeo, dalla disponibilità di fonti energetiche al consumo di energia, sono potenzialmente vulnerabili ai cambiamenti climatici Per garantire un approvvigionamento affidabile di energia pulita, il sistema energetico europeo deve adattarsi e diventare più resistente al clima.

La valutazione dell'EEA (European Environment Agency) "Adaptation challenges and opportunities for the European energy system” analizza le esigenze di adattamento ai cambiamenti climatici e di resilienza climatica nel sistema energetico europeo, ora e in futuro.  Questa valutazione supporta la transizione dell'energia pulita, che comporta una massiccia espansione delle fonti di energia rinnovabile, molte delle quali sono sensibili ai fattori climatici.

La nuova valutazione avverte che i cambiamenti climatici e gli eventi meteorologici estremi incidono sempre più su tutte le parti del sistema energetico europeo.  Le modifiche più importanti includono aumenti delle temperature medie ed estreme di aria e acqua e cambiamenti nella disponibilità di acqua, eventi climatici estremi e rischi costieri e marittimi.  Questi cambiamenti influenzeranno la disponibilità di fonti energetiche primarie - in particolare le fonti energetiche rinnovabili - nonché la trasformazione, la trasmissione, la distribuzione e lo stoccaggio di energia e la domanda di energia.

Alcuni degli impatti dei cambiamenti climatici sul sistema energetico possono essere economicamente vantaggiosi, come la riduzione della domanda di energia per il riscaldamento, ma molti impatti sono negativi sia per il settore energetico che per la società nel suo complesso.  Tali impatti includono la riduzione della disponibilità di acqua di raffreddamento per le centrali termiche e la ridotta disponibilità di acqua per la produzione di energia idroelettrica e l'aumento dei rischi per le infrastrutture energetiche da eventi meteorologici estremi e innalzamento del livello del mare.

Secondo la valutazione dell'EEA, gli impatti dei cambiamenti climatici e le relative esigenze di adattamento variano significativamente da regione a regione. In generale, l'Europa settentrionale sperimenterà sia effetti positivi che negativi sul suo sistema energetico, mentre le regioni nell'Europa meridionale gli impatti saranno schiaccianti.

 

 

 

 

Il quadro politico in evoluzione nell'ambito dell'Unione dell'energia offre opportunità uniche per integrare l'adattamento ai cambiamenti climatici nella pianificazione energetica nazionale ed europea.  La valutazione raccomanda di considerare gli impatti dei cambiamenti climatici nello sviluppo dei piani nazionali per il clima e l'energia e le strategie a lungo termine nell'ambito dell'Unione europea per l'energia. 

 

 

 

Risultati chiave

La disponibilità idrica è generalmente prevista in aumento nell'Europa settentrionale e in diminuzione nell'Europa meridionale, ma con marcate differenze stagionali.  Questi cambiamenti possono influire sulla disponibilità di acqua di raffreddamento per centrali termiche, energia idroelettrica e potenziale bioenergetico, trasporto di carburante sui fiumi e domanda di energia per la fornitura di acqua.

La sostituzione delle centrali a carbone con l'energia solare ed eolica riduce radicalmente le emissioni di gas serra e il consumo di acqua, contribuendo così alla mitigazione e all'adeguamento delle regioni scarsamente idriche.

I biocarburanti e la cattura e lo stoccaggio del carbonio richiedono quantità significative di acqua o terreni coltivabili, che potrebbero limitare la loro espansione, in particolare nelle regioni scarsamente idriche.

Le temperature di riscaldamento riducono la richiesta di energia per il riscaldamento, ma aumentano la richiesta di energia per il raffreddamento.  Possono anche influenzare la produzione e la trasmissione di elettricità.

I cambiamenti climatici possono influire sul potenziale dell'energia eolica e solare, ma le proiezioni disponibili sono associate a una significativa incertezza.

Diversi studi indicano che, senza adeguate misure di adattamento, i danni diretti al sistema energetico europeo da eventi meteorologici estremi potrebbero ammontare a miliardi di euro all'anno entro la fine del secolo, con costi indiretti molto più elevati.

 

Il fattore chiave per i cambiamenti nel sistema energetico globale ed europeo è la necessità di una transizione energetica pulita che riduca drasticamente le emissioni di gas serra.  L'UE sta costruendo l' Unione dell'energia , che mira a rendere l'energia più sicura, economica e sostenibile.  

 

Unione dell’energia. L'UE sta costruendo un'unione dell'energia che garantisca l'approvvigionamento energetico dell'Europa e che esso sia sicuro, praticabile e accessibile a tutti. 
In tal modo, può stimolare l'economia, attirare investimenti che possono creare nuove opportunità di lavoro. Il rispetto di questi obiettivi richiede un uso più saggio dell'energia e misure efficaci per combattere i cambiamenti climatici