Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

  • L'impronta del riscaldamento globale sulla siccità
    .... Leggi ancora
  • Il cambiamento climatico mette sotto pressione il sistema energetico europeo
    .... Leggi ancora
  • Per i paesi dell’Unione Europea il clima non conta?
    .... Leggi ancora
  • Il costo per il cambiamento climatico sta aumentando molto velocemente .... Leggi ancora L'impronta del riscaldamento globale sulla siccità .... Leggi ancora Il cambiamento climatico mette sotto pressione il sistema energetico europeo .... Leggi ancora Per i paesi dell’Unione Europea il clima non conta? .... Leggi ancora < > Lo stress termico è un costo per l’economia
    .... Leggi ancora
  • I cambiamenti climatici potrebbero rappresentare una "minaccia esistenziale" entro il 2050
    .... Leggi ancora

Lo scioglimento dei ghiacci artici sta accelerando i cambiamenti climatici attraverso il rilascio di carbonio proveniente dallo scongelamento del permafrost e ad un maggiore assorbimento dell’energia solare a causa della riduzione dell'albedo di superficie, a seguito della perdita di ghiaccio marino e della neve terrestre.

 

La regione artica si sta riscaldando due volte più velocemente della media globale, manifestata da una diminuzione del ghiaccio marino, della neve e dei ghiacciai e del degrado del permafrost rispetto ai loro stati medi di riferimento per il periodo compreso tra il 1979 e il 2005

Questi cambiamenti possono accelerare ulteriormente il riscaldamento globale attraverso una varietà di processi climatici. Il carbonio derivante dallo scongelamento del permafrost rilasciato nell'atmosfera determina il processo del carbonio permafrost (PCF). La riduzione del ghiaccio marino e delle coperture di neve di terra aumentano l'assorbimento solare alle alte latitudini, causando il processo di scioglimento dell'albedo superficiale (SAF). Entrambi i processi amplificano il segnale antropogenico.

PCF e SAF fanno parte dei tredici elementi di ribaltamento principali individuati dal sistema climatico della Terra nelle recenti indagini. Gli elementi di ribaltamento sono processi fisici che agiscono sul clima e sulla biosfera che, dopo aver superato una soglia, potrebbero spostare irreversibilmente il sistema planetario in un nuovo stato più caldo. Potrebbero causare ulteriori impatti su ecosistemi, economie e società in tutto il mondo. Il rischio di innescare gli elementi di ribaltamento è uno degli argomenti per l'adozione degli ambiziosi obiettivi di 1,5°C e 2°C nell'accordo di Parigi. Pertanto, per stimare i loro impatti e ridurre le incertezze è necessaria una rigorosa valutazione quantitativa degli elementi di ribaltamento del clima in diversi scenari climatici e socio-economici.

 

 


Leggi anche:

Antropocene: l’uomo agisce sulla storia della Terra

Riscaldamento globale di 1,5 ° C 


 

 

 

 

In futuro, il Sistema Terra potrebbe potenzialmente seguire molte traiettorie, spesso rappresentate dall'ampia gamma di aumenti di temperatura globali simulati dai modelli climatici. Nella maggior parte delle analisi, queste traiettorie sono in gran parte guidate dalla quantità di gas serra che le attività umane hanno già emesso e continueranno ad emettere nell'atmosfera nel resto di questo secolo e oltre - con una presunta relazione quasi-lineare tra le emissioni cumulative di biossido di carbonio e le emissioni globali con l’aumento della temperatura. Tuttavia, alcuni studiosi suggeriscono che i processi di retroazione biogeofisica all'interno del Sistema Terra accoppiati con il degrado umano diretto della biosfera possono giocare un ruolo più importante di quello normalmente assunto, portando la Terra ad un equilibrio climatico ben diverso da quello previsto.

Lo studio suggerisce che il Sistema Terra potrebbe avvicinarsi a una soglia planetaria che potrebbe bloccarsi in un continuo percorso rapido verso condizioni molto più calde. Questo percorso sarebbe alimentato da forti reazioni intrinseche e difficilmente influenzabili dalle azioni umane, un percorso che non può essere invertito, guidato o sostanzialmente rallentato.

 

Un rapporto internazionale sulla rivista Nature Communications ha messo un cartellino del prezzo dei cambiamenti climatici utilizzando modelli informatici che tengono conto del costo degli sforzi di mitigazione, come il passaggio dalla tecnologia dei combustibili fossili, gli impatti della temperatura sull'economia, gli effetti sul ecosistema, costi sanitari di un mondo più caldo, danni causati dall'innalzamento del livello del mare e altri effetti residui.

Le stime precedenti prevedevano il costo totale dei cambiamenti climatici associati agli scenari 1.5°C e 2°C a 600 trilioni di dollari. L’introduzione dei due processi PCF e SAF non lineari aggiungono altri $ 25 trilioni ai $ 600 trilioni per lo scenario di 1,5°C e $ 34 trilioni per lo scenario di 2°C.

Spesso si fa spesso notare che il costo della riduzione delle emissioni di carbonio paralizza l'economia e viene usato come scusa per ritardare il cambiamento. Stiamo vedendo questo con gli Stati Uniti che si tirano fuori dall'accordo di Parigi, l'opposizione all'energia eolica e la continua popolarità di grandi veicoli personali con grandi motori a combustione. Ma mentre non fare nulla potrebbe andare bene per l'economia a breve termine, il rapporto mostra che continuare con gli affari come al solito aumenterebbe le temperature globali di 4°C, il che potrebbe costare incredibilmente 2.000 miliardi di dollari USA.

 

Evitare questa soglia creando un percorso di Terra Stabilizzato può essere raggiunta e mantenuta solo attraverso uno sforzo deliberato e coordinato delle società umane per gestire la nostra relazione con il resto del Sistema Terrestre, riconoscendo che l'umanità è un componente integrale e interagente del sistema.