Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

  • Per i paesi dell’Unione Europea il clima non conta?
    .... Leggi ancora
  • Lo stress termico è un costo per l’economia
    .... Leggi ancora
  • I cambiamenti climatici potrebbero rappresentare una "minaccia esistenziale" entro il 2050
    .... Leggi ancora
  • Allarme Onu, il pianeta rischia un apartheid climatico
    .... Leggi ancora
  • Le piantagioni per la bioenergia potrebbero combattere i cambiamenti climatici, ma minacciano le colture alimentari, avverte il gruppo ONU
    .... Leggi ancora

Se le emissioni continueranno a salire al ritmo attuale, per la fine del secolo i ghiacciai alpini saranno completamente scomparsi.

 

 Nel 2013 vennero pubblicati i risultati ottenuti con il progetto “Share Stelvio”. Già 5 anni si segnalò la grave situazione dei nostri ghiacciai alpini.

Dal 1954 al 2007 è stata registrata una riduzione areale del 40% dei ghiacciai, sono scomparsi circa 20 Km2 di ghiaccio; negli ultimi anni poi è avvenuta un’accelerazione impressionante della deglaciazione: dal 1954 al 1981 -0,24 di km2/anno; dal 2003 al 2007 -0,7 Km2/anno. Tre volte tanto.

Entro il 2100, il più grande ghiacciaio vallivo delle Alpi italiane, il ghiacciaio dei Forni, potrebbe essere ridotto, secondo le proiezioni ottenute dai ricercatori, al solo 5% del suo attuale volume. E ancora: 36 laghi alpini situati in gran parte sotto i 2500 metri di quota sono scomparsi, ma al contempo 22 nuovi sono apparsi sopra i 2900 metri. Di fatto l’aumento delle temperature impatta su tutto l’ecosistema montano.

 

 


Leggi anche:

Clima: Italia, in 50 anni scomparso 40% ghiacciai


 

 

 

 

 

Le Alpi possono essere considerate delle “torri d’acqua” che svolgono un ruolo cruciale per l’accumulo e il rilascio di questa preziosa risorsa. Attraverso i ghiacci e le nevi costituiscono una fondamentale riserva di questo bene primario.

 

Simulazione della perdita dei ghiacci alpini. (The Cryosphere, 13, 1125-1146, 2019)

 

 

Secondo l’ultimo studio condotto dall’European Geosciences Union, la metà del ghiaccio nei 4000 ghiacciai della catena montuosa alpina scomparirà entro il 2050 a causa del riscaldamento globale già provocato dalle emissioni passate. Dopodiché, anche se le emissioni di CO2 scenderanno a zero, i due terzi dei ghiacciai si saranno sciolti entro il 2100.

I ricercatori hanno sottolineato che la perdita dei ghiacciai avrebbe un grande impatto sulla disponibilità di acqua per l'agricoltura e l'energia idroelettrica, in particolare durante i periodi siccitosi, influenzando la natura e il turismo.

"Nelle previsioni più pessimistiche, le Alpi saranno per lo più prive di ghiaccio entro il 2100, rimarranno solo delle distese di ghiaccio isolate ad alta quota, che rappresenteranno il 5% o meno del volume di ghiaccio attuale", ha detto Matthias Huss, ricercatore senior presso l'ETH di Zurigo.

 

A febbraio, uno studio analogo ha rilevato che un terzo degli enormi giacimenti di ghiaccio delle imponenti catene montuose dell'Asia è destinato a sciogliersi a causa dei cambiamenti climatici, con gravi conseguenze per quasi 2 miliardi di persone a valle.

I ghiacciai lungo l'Hindu Kush e la catena himalayana sono ad altitudini più alte e più fredde, ma se non si tagliano al più presto le emissioni globali di carbonio, i due terzi dei ghiacciai si scioglieranno entro il 2100.