Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

  • Per i paesi dell’Unione Europea il clima non conta?
    .... Leggi ancora
  • Lo stress termico è un costo per l’economia
    .... Leggi ancora
  • I cambiamenti climatici potrebbero rappresentare una "minaccia esistenziale" entro il 2050
    .... Leggi ancora
  • Allarme Onu, il pianeta rischia un apartheid climatico
    .... Leggi ancora
  • Le piantagioni per la bioenergia potrebbero combattere i cambiamenti climatici, ma minacciano le colture alimentari, avverte il gruppo ONU
    .... Leggi ancora

Gli esperti avvertono che l'incapacità di agire rischia di impennare a temperature globali

 

I drammatici aumenti del metano atmosferico stanno minacciando di far fallire i piani per mantenere l'aumento della temperatura globale a 2 ° C.

In un articolo pubblicato nell'American Geophysical Union, i ricercatori dicono che i forti aumenti dei livelli di metano - un potente gas a effetto serra -  sono aumentati negli ultimi quattro anni. È ora necessaria un'azione urgente per arrestare ulteriori aumenti di metano nell'atmosfera, per evitare di innescare un riscaldamento globale potenziato e aumenti di temperatura ben oltre i 2°C.

 

Il metano atmosferico sta aumentando molto rapidamente: nel 2014 (12,7 ± 0,5 ppb / anno), 2015 (10,1 ± 0,7 ppb / anno), 2016 (7,0 ± 0,7 ppb / anno) e 2017 (7,7 ± 0,7 ppb / anno). Gli autori ritengono che le cause dell’aumento del metano possono essere provocate da fonti biogeniche, termogeniche e pirogene. L'impatto del riscaldamento climatico del metano osservato nell'ultimo decennio, se continua nei prossimi decenni, è sufficiente a contestare l'accordo di Parigi.

E. G. Nisbet et al. Very strong atmospheric methane growth in the four years 2014-2017: Implications for the Paris Agreement. Global Biogeochemical CyclesAccepted Articles First published:  5 February 2019

 

"Ciò a cui stiamo assistendo ora è estremamente preoccupante", ha detto uno degli autori principali dell’articolo, il professor Euan Nisbet. "E’ particolarmente allarmante perché non siamo ancora sicuri del perché i livelli di metano atmosferico stanno aumentando in tutto il pianeta."

Il metano è prodotto dai bovini e proviene anche dalla vegetazione in decomposizione, dagli incendi, dalle miniere di carbone e dagli impianti di gas naturale, ma anche dallo scioglimento del permafrost.

Il metano ha un effetto più potente come causa del riscaldamento atmosferico rispetto al biossido di carbonio (CO2). Fortunatamente ha un tempo di vita inferiore e si stratifica nei livelli più bassi dell’atmosfera.

Durante gran parte del XX secolo, i livelli di metano, derivante per lo più da fonti di combustibili fossili, sono aumentati nell'atmosfera ma, all'inizio del XXI secolo, si erano stabilizzati. Con grande sorpresa dei ricercatori, i livelli hanno ripreso a salire nel 2007.

Gli studi suggeriscono che questi aumenti hanno maggiori probabilità di essere principalmente di origine biologica. Tuttavia, la causa esatta rimane poco chiara. Alcuni ricercatori ritengono che la diffusione dell'agricoltura intensiva in Africa possa essere una parte della causa. In particolare nelle regioni tropicali, dove le condizioni climatiche sono cambiate, sono diventate più calde e umide e stanno producendo sempre più metano.

Tuttavia, altri scienziati avvertono che potrebbe esserci anche un fattore “più sinistro”. Le sostanze chimiche naturali presenti nell'atmosfera - che aiutano a demolire il metano - potrebbero essere meno efficaci a causa dell'aumento della temperatura.

Il nostro mondo potrebbe quindi perdere il suo potere di depurare gli inquinanti perché si sta surriscaldando, un feedback climatico in cui il riscaldamento consente a più gas serra di soffermarsi nell'atmosfera e quindi innescare un ulteriore riscaldamento.

Nel 2016, a Parigi, le nazioni hanno accettato di collaborare a mantenere gli aumenti di temperatura globali al di sotto dei 2°C rispetto ai livelli preindustriali e, se possibile, mantenere tale aumento al di sotto di 1,5°C.

E’ stato deciso che per raggiungere l’obbiettivo è necessario ridurre le emissioni di CO2 derivante dai combustibili fossili. L’aumento incontrollato di gas a effetto serra diversi, il metano, significa che sarà molto difficile raggiungere l’obiettivo preposto. In questo caso,  per mantenere gli obiettivi sarà necessario fare ulteriori tagli nelle emissioni di CO2.