Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

 

Dovrebbe essere uno dei luoghi più freddi della terra, ma Verkhoyansk ha raggiunto i 38°C.

 

La città siberiana di Verkhoyansk ha raggiunto i 38°C, dopo mesi di caldo da record nel circolo polare artico. Lo scorso inverno è stato il più caldo in Siberia da quando le temperature sono state registrate per la prima volta 130 anni fa.

L'Amministrazione nazionale oceanica e atmosferica degli Stati Uniti ha dichiarato che esiste una probabilità del 75% che il 2020 possa essere l'anno più caldo mai registrato.

La città siberiana di Verkhoyansk ha raggiunto i 38°C, o 32 gradi in più rispetto alle temperature normali. Lo stesso giorno, estesi incendi sono apparsi ad est di Verkhoyansk. Sul mare della Siberia orientale, a nord della città, quelle immagini mostravano acque aperte anziché ghiaccio.

La città siberiana, a circa 3.000 miglia a est di Mosca, in Russia, è storicamente uno dei luoghi più freddi della Terra. Lo scorso novembre, le temperature sono scese a -50°C. però negli ultimi mesi le temperature registrate in Siberia hanno battuto tutti i record.

Se non fosse per i cambiamenti climatici causati dall'uomo, il caldo da record della Siberia sarebbe “un evento da 1 su 100.000 anni”, ha  Martin Stendel, uno scienziato del clima presso il Danish Meteorological Institute .

Anche negli Stati Uniti si stanno registrando temperature da record.  

I meteorologi hanno dichiarato all'inizio di quest'anno che il 2020  sarà, probabilmente, l’anno più caldo mai registrato.

I cambiamenti climatici si faranno sentire più gravemente nel Sud del mondo, specialmente tra i poveri e la classe operaia.  Il cambiamento climatico rafforzerà la disuguaglianza e il conflitto globali, ha avvertito.

 

Sistema di circolazione terrestre

L'Artico è un sistema incredibilmente importante nel sistema climatico globale. Quindi, proprio come l'Amazzonia è i polmoni del mondo, l'Artico è come il nostro sistema di circolazione e si nutre di cambiamenti climatici globali ovunque.

La scienza ci dice anche che l'Artico è in crisi. In base ai dati osservativi sappiamo che abbiamo perso il 50% del ghiaccio artico in circa 50 anni.

Effetto albedo

Il bianco rimbalza la luce solare nell'atmosfera e impedendone l’assorbimento.

Mentre l'Oceano Artico e i ghiacciai si sono sciolti, vediamo che il blu scuro sta assorbendo sempre più calore che si nutre attraverso il resto del sistema ...

Dagli anni '70 abbiamo perso il 75% del volume di ghiaccio marino artico estivo.

Se la consideri come una polizza assicurativa per il resto del mondo per prevenire catastrofici cambiamenti climatici in fuga, siamo nei guai ...

Permafrost e metano

Il permafrost si sta scongelando rilasciando grosse  quantità di metano che è un gas ad elevato effetto serra.

Tempo estremo

Se diamo uno sguardo a condizioni meteorologiche estreme, possiamo vedere che l'Artico gioca un ruolo chiave. L'Artico influenza la corrente a getto, influenzando il clima alle  medie latitudini.

Livelli del mare

Lo scioglimento della calotta glaciale della Groenlandia sta accelerando l'innalzamento del livello del mare.

Se arriviamo a un mondo più caldo di 2 gradi possiamo vedere da alcune delle principali città del mondo, tra cui Tokyo e New York, che saranno effettivamente inondate.

Quindi l'Artico è un barometro del rischio globale.

La posta in gioco non è solo una questione geopolitica o i benefici economici a breve termine della spedizione o dell'estrazione. Ciò che è in gioco nell'Artico è in realtà il futuro dell'umanità stessa.

 

 

 

 

Fonte World economic forum

 

 

 

 


Torna all'indice