Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

L’Artico, una regione in pericolo

 

Il riscaldamento globale provocato dalle emissioni antropogeniche di anidride carbonica (CO2) e altri GHG continua. Ogni anno ci sono segni sempre più evidenti di un clima che cambia, come l'aumento del numero di uragani intensi, le ondate di calore e gli incendi. Un clima così estremo è probabilmente la principale conseguenza immediata del cambiamento climatico nelle società di tutto il mondo. Anche nell’Artico, gli effetti del cambiamento climatico sono stati avvertiti dalle persone che vivono nella regione.

 

Cambiamento climatico nell’artico

Proiezioni di variazioni della temperatura vicino alla superficie (°C) lungo la longitudine 30 ° est per gli anni 2080 rispetto al 1986-2005 nello scenario IPCC RCP4.5

 

 

L'"amplificazione artica" è un fenomeno che causa temperature più elevate vicino ai poli rispetto alla media planetaria a causa di una combinazione di processi feedback.

Ad esempio, quando il ghiaccio marino si scioglie in estate, si aprono aree scure d'acqua che assorbono più calore dal sole, che a sua volta scioglie più ghiaccio. Questo "circuito di feedback" include anche gli effetti dello scioglimento della neve e dello scongelamento del permafrost. L'amplificazione artica è più pronunciata in inverno e più forte nelle aree con grandi perdite di ghiaccio marino durante l'estate.

 

 

 

Per raggiungere l'obiettivo dell'accordo di Parigi di mantenere l'aumento della temperatura media globale ben al di sotto dei 2°C e in particolare di proseguire gli sforzi per limitarlo a 1,5 ° C al di sopra dei livelli preindustriali, i paesi devono intensificare notevolmente i propri impegni per ridurre le emissioni di GHG. A questo ritmo di emissioni, le temperature invernali sull'Oceano Artico aumenterebbero dai 3 ai 5°C entro la metà del secolo e dai 5 ai 9°C alla fine del secolo (rispetto ai livelli del 1986-2005). A causa delle emissioni passate, presenti e future del gas serra e del calore immagazzinato nell'oceano, le temperature invernali dell'Artico seguiranno un percorso simile in tutti gli scenari di emissione fino alla metà del secolo.

L'aumento delle temperature significa che l'Artico cambierà molto nei decenni a venire. Ciò non avrà solo implicazioni regionali e locali, ma influenzerà la circolazione degli oceani, i livelli dei mari e le condizioni climatiche e meteorologiche in tutto il mondo, con profonde conseguenze per gli ecosistemi e le popolazioni umane.

E’ importante tenere presente che molti GHG sono anche inquinanti atmosferici che incidono negativamente sulla salute umana e sugli ecosistemi, l'impatto positivo della riduzione delle emissioni sarà duplice: prima direttamente sulla salute e seconda sui cambiamenti climatici.