Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

  • Animali in pericolo: le api fondamentali per la nostra alimentazione
    .... Leggi ancora
  • In Botswana si torna a cacciare gli elefanti
    .... Leggi ancora
  • Animali in pericolo: La balena franca nordatlantica
    .... Leggi ancora
  • Habitat in pericolo: la deforestazione dell'Amazzonia brasiliana sale a livelli record
    .... Leggi ancora
  • Habitat in pericolo: In Bolivia dove l'alta frequenza di incendi ha mandato in fumo milioni di ettari di foresta
    .... Leggi ancora

I piani stanno avanzando per raccogliere minerali preziosi dal fondo dell'oceano, ma gli scienziati affermano che le aziende non li hanno testati abbastanza per evitare danni devastanti.

 

 

Nel 1972, un giovane ecologo di nome Hjalmar Thiel si avventurò in una parte remota dell'Oceano Pacifico conosciuta come Clarion – Clipperton Zone (CCZ).  Si accorse che il fondale marino era ricco di terre rare.  

Le aziende e le nazioni hanno spesso promesso che avrebbero presto iniziato a estrarre minerali preziosi dalle profondità degli oceani, ma gli sforzi commerciali non sono decollati per una serie di ragioni: in particolare i costi iniziali enormi, il valore storicamente basso dei minerali di acque profonde e mancanza di regolamenti che hanno contribuito alla diffidenza degli investitori.

Ora, sembra che sia giunto il momento di questa nascente industria. La crescente domanda di batterie per alimentare auto elettriche e per immagazzinare energia eolica e solare ha aumentato il costo di molti metalli delle terre rare e rafforzato il business per l'estrazione del fondo marino.  Inoltre, le tanto attese normative del settore dovrebbero essere completate entro il 2020 in base al quale gli appaltatori possono richiedere licenze di 30 anni per estrarre nelle "aree di richiesta".  

 

La lumaca dai piedi squamosi (Chrysomallon squamiferum) è diventata la prima specie ad essere ufficialmente classificata come "in pericolo" dalla minaccia dell'estrazione in acque profonde. La creatura, che è stata aggiunta alla Lista rossa delle specie minacciate dell'Unione internazionale per la conservazione della natura, occupa tre località  tutte nell'Oceano Indiano occidentale.  Località candidate per l'estrazione.

 

 


Leggi anche:

30x30. La vita nei mari profondi


 

 

 

 

Da tempo si pensa all’estrazione del fondo oceanico.  Ora, grazie alla crescente domanda di metalli rari come il molibdeno e il litio, la pratica dovrebbe decollare entro un decennio.

Circa 1,3 milioni di chilometri quadrati del fondale marino sono già stati assegnati a governi e aziende per l'esplorazione mineraria, lavoro che rappresenta un rischio per migliaia di specie, molte delle quali non ancora conosciute.  Indagini su aree di acque profonde previste per l'estrazione hanno identificato più di 1.000 specie animali.

L'Autorità internazionale dei fondali marini (ISA) - l'organismo che sovrintende alle attività di estrazione in acque profonde in acque internazionali - prevede di finalizzare il suo codice di estrazione entro il 2020, consentendo alle aziende di passare alla fase successiva, ovvero all'estrazione commerciale.

Il problema è che l'ISA ha un mandato sia per proteggere il fondale marino internazionale sia per sfruttarlo.  Gli scienziati marini temono che l'autorità stia dando maggiore enfasi al suo mandato di sviluppo e non abbastanza al suo mandato ambientale.

In una lettera aperta inviata all'ISA, 28 scienziati marini di tutto il mondo chiedono all'organizzazione di rivolgersi a scienziati indipendenti quando devono valutare le richieste da parte di compagnie e governi.  Suggeriscono inoltre che l'ISA debba lavorare in stretta collaborazione con gli organi intergovernativi come la Convenzione delle Nazioni Unite sulla diversità biologica, in modo che la voce di conservazione dell'ISA sia rafforzata nei colloqui con le aziende.

Queste raccomandazioni sono sensate.  Il potenziale distruttivo dell'estrazione mineraria si estende oltre la perdita di singole specie carismatiche.  L'uso di macchine delle dimensioni di un trattore, ciascuna del peso di circa 300 tonnellate, potrebbero rilasciare carbonio bloccato nei sedimenti di acque profonde nell'atmosfera, aggravando i cambiamenti climatici.

L'oceano profondo è così scarsamente campionato che i ricercatori non sanno nemmeno quanto e cosa si potrebbe perdere attraverso le attività minerarie.

 

Fonte:

Nature  571 , 447 (2019)

Nature 571 , 465-468 (2019)