Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

 

La sopravvivenza del canguro arboricoli in via di estinzione è stata garantita grazie a un progetto sostenuto dal Programma di sviluppo delle Nazioni Unite (UNDP).

 

 

Il canguro arboricolo, che sembra in parte un canguro e parte lemure, si trova solo nelle foreste pluviali dell’Australia, Papua Occidentale e della Papua Nuova Guinea. Il canguro è una specie minacciata a causa della caccia e della distruzione dell'habitat.

Ma ora il popolo locale e indigeno della Papua Occidentale, che di solito caccia il marsupiale, agirà come custode delle antiche foreste pluviali promuovendo l'uso sostenibile della terra e la gestione di quella che ora è un'area di conservazione.

 

 


"Ho pensato che fosse tutto a posto, ho sfruttato le mie risorse naturali proprio come mio padre e suo padre prima di lui, ho prestato poca attenzione a ciò che è stato effettivamente lasciato nella foresta", Danny James, villaggio di Komareng,  Yopno-Uruwa-Som .


 

 

 

I canguri sembrano un incrocio tra un canguro e un lemure, si sono adattati alla vita sugli alberi, con zampe posteriori più corte e arti anteriori più forti per l'arrampicata. Nonostante pesino fino a 16 kg, i canguri sono estremamente elusivi e spesso invisibili nella volta della foresta.

In Papua Nuova Guinea, i canguri degli alberi sono le specie di punta per le rare foreste pluviali - una foresta pluviale ad alta quota. Come specie di punta, la salute del canguro degli alberi riflette la salute del loro più ampio ecosistema. Concentrandosi sulla conservazione del canguro, lo stato di molte altre specie che condividono lo stesso habitat - o sono vulnerabili alle stesse minacce – possono avere la stessa salvaguardia.

 

La Papua Nuova Guinea è un hotspot culturale e di biodiversità.  Ha circa 1.000 gruppi tribali indigeni che parlano più di 850 lingue diverse, che rappresentano quasi il 12% di tutte le lingue esistenti sulla terra.

Nonostante la sua superficie relativamente piccola, si stima che la Papua Nuova Guinea contenga tra il 5 e il 10% di tutte le diversità floreali e faunistiche nel mondo.

 

 

Programma di conservazione del canguro arboricolo

La penisola di Huon, in Papua Nuova Guinea (PNG), è una zona montuosa estremamente accidentata che si estende dal famoso triangolo corallino alle cime di 4.000 metri, ed è ricoperta da una delle più grandi foreste nuvolose rimaste al mondo.

La regione della penisola Yopno-Uruwa-Som è costellata da 50 villaggi remoti, che ospitano 15.000 persone che, secondo il consueto sistema di proprietà fondiaria, possiedono e controllano collettivamente l'intero paesaggio di 1.600 km2.

Le comunità rurali in PNG vivono uno stile di vita principalmente di sussistenza, facendo affidamento sulle loro risorse naturali e sul suolo fertile come i loro antenati hanno fatto per generazioni prima di loro. Tuttavia, i leader della comunità hanno notato risorse importanti stavano diventando scarse. 

I proprietari terrieri erano determinati a trovare una soluzione duratura e, nel 1996, incontrarono la dott.ssa Lisa Dabek, una biologa conservatrice che studiava il canguro di albero di Matschie, in via di estinzione, endemico della penisola di Huon.  Nonostante le diverse prospettive e interessi, hanno scoperto un obiettivo comune: proteggere il canguro degli alberi di Matschie e il suo habitat.  Con questa partnership  è nato  il  Tree Kangaroo Conservation Program  (TKCP) .

Nel 2009, con oltre 78.000 ettari di terra impegnati, il loro obiettivo è stato raggiunto e la YUS Conservation Area è stata istituita.

 

 


"I nostri clan hanno vissuto qui per generazioni: siamo parte del paesaggio. Penso che quello che stiamo facendo qui dimostra che possiamo giocare un ruolo importante nella conservazione.Nomis Simon, villaggio di Singorokai, YUS


 

 

 

Nelle propaggini meridionali della catena montuosa Torricelli nella provincia di Sandaun, sono stati avviati progetti di conservazione del canguro di Tenkile. Una specie sull'orlo dell'estinzione nel 2001, con una popolazione stimata di meno di 100 individui. Nel 2004 si scoprì che, nella stessa zona, esisteva ancora il canguro di Weimang.

Fondamentale è stato trasformare i cacciatori in conservatori e amministratori del loro ecosistema unico e ciò ha significato che molte specie chiave sono  protette.

Il lavoro iniziato qualche anno fa sta dando i suoi frutti: quest'anno è la prima volta che il canguro di Tenkile riappare in aree in cui non era mai stato visto.

 

Come sottolineato dal rapporto IPBES, quasi un milione di specie sono a rischio di estinzione, abbiamo bisogno di un'azione radicale.

C'è bisogno di partenariati che riconoscano l'importanza universale della biodiversità - la diversità all'interno delle specie, tra le specie e degli ecosistemi. Un'azione coordinata deve fermare l'estinzione di specie come il canguro degli alberi e ridurre la perdita di biodiversità.

Il lavoro del Tree Kangaroo Conservation Program sulla penisola di Huon - e in particolare nella YUS Conservation Area per salvare il canguro di Matschie, è il miglior esempio che bisogna adottare per salvare le specie uniche e a rischio, così importanti per i loro ecosistemi.

 

 

 


Leggi anche:

IPBES: Biodiversity and Ecosystem Services