Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Il progetto vuole salvaguardare la vita marina e consentire il recupero degli oceani

 

 

Le acque al di fuori dei confini nazionali  - che coprono metà della superficie del pianeta - sono attualmente non regolamentate, devastate dalla pesca eccessiva e dall'inquinamento. 

Dopo più di cinque anni di negoziati, i membri delle Nazioni Unite sono pronti a concordare un nuovo regolamento entro il 2020, che potrebbe stabilire aree di conservazione, quote di cattura e monitoraggio scientifico. Attualmente solo il 3,5% degli oceani del mondo è protetto.

La scienza è chiara sul ruolo che gli oceani svolgono nell'assicurare la vivibilità attuale e futura del pianeta. Se vogliamo che i nostri oceani continuino a fornire cibo, assorbire carbonio e regolare il clima per il pianeta, la protezione della biodiversità in alto mare è fondamentale.

 

 

 

Gli accademici hanno mappato una rete di santuari che dicono essere necessari per salvare gli oceani del mondo, proteggere la fauna selvatica e combattere la disgregazione del clima. Una rete di protezione che aiuterà a salvare le specie dall'estinzione e aiutarle a sopravvivere nel nostro mondo in rapida evoluzione.

La campagna di protezione per proteggere il 30% degli oceani del mondo entro il 2030 è stata sostenuta lo scorso anno dal governo britannico. Il segretario dell'ambiente, Michael Gove, ha accolto con favore la relazione, che è il risultato di una collaborazione durata un anno tra accademici delle università di York e Oxford e del gruppo ambientalista Greenpeace .

Gli esperti dicono che oltre ad una ricchezza di vita marina e di ecosistemi complessi, l'alto mare - quelle acque oltre i confini nazionali - gioca un ruolo chiave nella regolazione del clima terrestre, guidando la pompa biologica oceanica che cattura enormi quantità di carbonio in superficie e lo immagazzina nelle profondità degli oceani. Senza questo processo, avvertono, l'atmosfera conterrebbe il 50% in più di anidride carbonica e diventerebbe troppo calda per sostenere la vita umana.

Negli ultimi decenni gli oceani stanno subendo lo sfruttamento crescente di una manciata di nazioni prevalentemente ricche con la pesca intensiva e attività minerarie nei fondali profondi che, combinate con i cambiamenti climatici, acidificazione e inquinamento, stanno mettendo gli ecosistemi marini sotto una grave minaccia - con conseguenze potenzialmente devastanti per la sopravvivenza dell'umanità .

Il rapporto rompe gli oceani globali - che coprono quasi la metà del pianeta - in 25.000 quadrati di 100x100 km, quindi mappa 458 diverse caratteristiche di conservazione tra cui la fauna selvatica, gli habitat e le principali caratteristiche oceanografiche. Infine, gli accademici hanno modellato centinaia di scenari per quello che sarebbe una rete planetaria di santuari oceanici, liberi da attività umane nocive.

La mossa arriva mentre l'ONU sta esaminando i dettagli di un nuovo Trattato globale sull'oceano - un quadro giuridico che consentirebbe la creazione di santuari oceanici in alto mare. Il primo dei quattro incontri delle Nazioni Unite si è tenuto a settembre 2018 e la decisione finale sul trattato è prevista per il prossimo anno.

Questo è un progetto per la protezione degli oceani che salvaguarderebbe l'intero spettro della vita marina, aiuterebbe ad affrontare la crisi dei nostri oceani e consentirà il loro recupero.

Questo darebbe spazio alla fauna selvatica e agli habitat non solo per recuperare ma per prosperare. I nostri oceani sono in crisi, ma tutto ciò di cui abbiamo bisogno è la volontà politica di proteggerli prima che sia troppo tardi.