Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Animali vulnerabili: il koala

Allarme in Australia: entro il 2050 i koala potrebbero estinguersi nel New South Wales

 

 

Il koala, (Phascolarctos cinereus), detto anche "piccolo orso", è un mammifero marsupiale australiano, unico rappresentante vivente del genere Phascolarctos e della famiglia Phascolarctidae, o marsupiali arrampicatori. Mangia solo le foglie di alberi di eucalipto e trascorre gran parte del tempo dormendo.

 

Qualche anno fa il koala è stato ufficialmente classificato come una specie minacciata in vaste aree dell’Australia dopo due decenni di devastanti perdite di popolazione.

Duramente colpiti dalla siccità, dalla perdita di habitat e dagli attacchi di altri animali, compresi i cani domestici, la popolazione di koala  è stata anche devastata dalle malattie - tra cui un ceppo trasmesso sessualmente di clamidia e il koala retrovirus (KoRV), l'equivalente dell'HIV, spesso trovato in una combinazione devastante.

Il koala fu cacciato negli anni '20, portandolo quasi all'estinzione, per la loro pelliccia. In questo momento,  le popolazioni di koala esistenti conta al massimo 100.000 animali.

Gli studiosi prevedono che l’incremento del disboscamento per l’agricoltura potrebbe portare all’estinzione dei koala nello Stato australiano del Nuovo Galles del Sud entro il 2050. L’allarme arriva dagli ambientalisti. In un rapporto del Wwf e del Nature Conservation Council, gli studiosi hanno utilizzato immagini satellitari per monitorare il tasso di accelerazione del disboscamento nello Stato per stimare l’impatto sulle specie vulnerabili e in via di estinzione.

Secondo stime del Wwf Australia, ci sono probabilmente meno di 20mila koala rimasti nel Nuovo Galles e al ritmo attuale, molto probabilmente si estingueranno già nel 2050. Indagini effettuate nel Queensland, mostrano che il 94% dei decessi di koala sono causate della perdita di habitat.

 

 

 

Il rapporto è stato pubblicato durante la giornata intitolata National Threatened Species Day, che si tiene nel giorno della morte dell’ultima tigre della Tasmania nello zoo di Hobart avvenuta nel 1936. L’Australia Koala Foundation stima che ci siano meno di 100mila koala rimasti in libertà in tutta l’Australia e, addirittura, forse solo 43mila. Sono minacciati dalla perdita di habitat, attacchi di cani, incendi boschivi e incidenti stradali. I koala sono classificati come «vulnerabili» a causa della perdita di habitat, ma la Fondazione sostiene che la classificazione dovrebbe passare a quella di «in pericolo critico» e che dovrebbero essere protetti più habitat.

 

 

 


 

Torna all'indice

 

 

 


 

 

 

 

 

Joomla templates by a4joomla